Home / News / Pietro Gargano, grrrrrr splendidi e aggressivi. Il graffio anti-metropolitano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pietro Gargano, grrrrrr splendidi e aggressivi. Il graffio anti-metropolitano


Pietro Gargano, Angelo della morte, 2015, tecnica mista su cartone, 58x48 cm

Pietro Gargano, Angelo della morte, 2015, tecnica mista su cartone, 58×48 cm

 

gargano teschio di caprone (2015) 38x58cm

Pietro Gargano, Teschio di caprone, 2015, tecnica mista su cartone, 35×58 cm

 

GARGANO scheletro di smilodonte (2015) 48x58cm

Pietro Gargano, Scheletro di smilodonte, 2015, tecnica mista su cartone, 48×58 cm

 

gargano mistico (2015) 58x48cm

Pietro Gargano, Mistico , 2015, tecnica mista su cartone, 58x48cm

 

gargano demone lunatico (2015) 48x38cm

Pietro Gargano, Demone lunatico, 2015, tecnica mista su cartone, 48x38cm

 

gargano demone fosco (2015) 58x48cm

Pietro Gargano, Demone fosco, 2015, tecnica mista su cartone, 58x48cm

 

LA POETICA DEL GATTOMANNARO

Iscritte al segno dell’aggressività e della conflittualità, spiriti, ossa e tendini del bestiario di Pietro Gargano presentano un’intensa forza di rilascio improvviso dell’energia aggressiva accumulata,  come se, a lungo trattenuti e prigionieri, fossero catapultati all’esterno per digrignare i denti contro il mondo. Sono creature scarnificate e ridotte alla sintesi, dovuta alla progressiva consunzione della carne, felini risorti al ciglio della strada dopo esser stati svuotati d’ogni vitalità e ora parzialmente consegnati a una dimensione spettrale per un piano di sterminio e di vendetta, relitti di dinosauri come chiglie di barche sfasciate che all’improvviso si ergono dalla sabbia con il desiderio di trasmettere il bacillo del Nulla a coloro che incontreranno lungo la strada. Non è una vita autentica, quella che attraversano, post mortem, le forze animali telluriche di Gargano, ma un risentimento elettrico, che le ricompone. Assetate di male e di vendetta divorano il cuore di tenebra che domina la società umana. Sinistre proiezioni dell’inconscio collettivo, sensi di colpa, peccati di sopraffazione commessi quotidianamente all’interno delle nostre comunità, a cui non diamo più una connotazione riconoscibile, un’incarnazione personificata, se non rilevandoli come puri concetti, a differenza dei nostri antenati che li iscrivevano nella negatività demoniaca.

Sotto il profilo stilistico, ciò che colpisce in Pietro Gargano è l’unicità di un segno che non si misura con il graffito metropolitano, ma ne diventa il suo vibrante antipode. Mentre infatti nei disegni dei writer ogni segno è depurato e trascinato ad una sintesi simbolica, l’opera dell’artista siciliano è profondamente ancorata alla trasfigurazione di una realtà esplorata con massima capacità di analisi cosicchè queste inquiete squadracce di predatori notturni non divengono mai un geroglifico, un lemma sospeso, una pura convenzione linguistica. Gli animali dei pittori delle metropoli hanno perso ogni contatto con la realtà per divenire forme manierate di un linguaggio, che trae origine dall’amplificazione psichedelica dei personaggi dei fumetti. Nella pittura di Pietro Gargano, invece, i modelli sorgono direttamente dalla terra; sono immagini ossessive di carcasse che imputridiscono sui cigli della strada, accanto a fossi o negli angoli in cui il moto ondoso rivolta, sulla sabbia, il peso indesiderato di conchiglie, sassi, lacerti di pelliccia che tengono ancorati in sè mucchi di ossa. Ma queste creature si rialzano all’improvviso nel momento in cui avvertono la possibilità di trarre energia da ogni pensiero d’aggressione e di sopraffazione espresso dall’umanità. E l’energia a disposizione non è poca. Sono i fiori risorti del male. Bestie senza considerazione, reiette, abbandonate e morte che risalgono all’improvviso dalla china di un vallone per avventarsi sullo spettatore.

Sotto il profilo stilistico, nonostante alcune citazioni delle icone mass-mediali come quelle di robot- animali, che sono qui frutto di un accoppiamento insano tra Mazinga e una laida bufala, il segno di Gargano trae forza dagli archetipi più antichi. Le sue opere, realizzate con tecnica mista su cartone, con derivati dei colori a olio, presentano arti anti-realisticamente ampliati dalla funzione preponderante che essi hanno nel corpo, mandibole scardinate, code, denti, tutti osservati nel momento in cui la forza li proietta rapinosamente contro lo spettatore.

Pietro Gargano sceglie una via sciamanica. Si identifica con lo spirito dei felini, che appaiono ampiamente citati, fino alla sigla triglifa che l’artista pone come marchio delle proprie opere:tre profondi, paralleli graffi. Gargano risale e ridiscende nei luoghi degli animali mitici e, trasformandosi in felino, ha la possibilità di agire sul quadro con le proprie unghie. Ne escono opere di sicuro rilievo, di grande impatto e di ottima costruzione che rendono l’autore siciliano uno dei più interessanti giovani artisti europei (curuz)

GARGANO  felino furioso (2015) 48x58cm

Pietro Gargano, Felino furioso, 2015, tecnica mista su cartone

 

Il pittore si analizza

Il racconto di Pietro Gargano

pietro

Il mio primo approccio alla pittura è stato qualche anno fa, anche se da fin da piccolo a volte mi piaceva disegnare e colorare. Ma grazie al mio inconscio slegato e alla visione della mia aura spirituale avuta in sogno ho sentito l’impulso e il desiderio naturale di iniziare a dipingere in maniera più assidua e frequente, è stata come una magia che anno dopo anno viveva con me rendendomi sempre più consapevole ed evolvendo in maniera rapida la mia arte. A volte il mio inconscio mi consiglia o mi fa vedere cosa dipingere tramite il sogno, il mio mondo onirico e fantastico che poi rappresento in maniera istintiva e pura con la mia fantasia come farebbe un bambino usando solo le sue mani e nel mio caso anche le unghie con gesti rapidi e incisi come un felino sulla superficie creando cosi un nuovo linguaggio pittorico e per avere un contatto più diretto con la mia arte. Cosi facendo esorcizzo le mie paure e quelle collettive usando l’inconscio puro del bambino, senza contaminazioni da forze esterne che mi circondano, cosi facendo risalgo all’archetipo e all’essenza dell’arte stessa che è senza artifici.
La mia fonte di ispirazione è di sicuro la rabbia che ho dentro per la superficialità dell’umanità che vive male, accompagnata da una follia unita alla consapevolezza che la società è mostruosa e autodistruttiva che vive la sua esistenza in modo troppo materialista e per nulla a contatto con la sua spiritualità, per questo uso molte volte queste iconografie mostruose per rappresentare la società e l’essere umano.
Nel mio caso la pittura è qualcosa che esce fuori dagli schemi, è un modo di essere e di vivere la propria vita non è solo dipingere e basta. Un “vero” artista sente quella passione, quella scintilla che ha dentro e che convive con lui tramite il suo inconscio, la sua fantasia, il suo intuito molto sviluppato, e a volte anche alla chiaroveggenza, che utilizza poi in maniera naturale ed istintiva quando dipinge e che nelle accademie non possono mai insegnarti o trasmetterti; artisti si nasce non si diventa e non si può insegnare qualcosa che hai già dentro ed è innato. Invece l’arte figurativa sta al di fuori dell’essere e dallo spirito; è quella che vediamo intorno a noi. E per rappresentare questo ormai vi è la fotografia da moltissimi anni, quindi per me è solo un bravo pittore ma non un “vero” artista che sente e dipinge quello che ha dentro di se, le sue emozioni più profonde, non quello che vede al di fuori di se e che si trova intorno a lui.
I miei dipinti in alcuni casi rispecchiano l’umanità, la società in cui viviamo che non vive in armonia con il mondo e con il suo prossimo, quindi è “cattiva”, ma alcuni soggetti rappresentano anche il mondo interiore di ognuno di noi, quello più nascosto ed oscuro che con si conosce bene e che io esorcizzo tramite la mia arte. Quindi la mia arte anche se rappresenta “il male” dei nostri giorni, ha lo scopo sia per me che per lo spettatore di esorcizzare e di liberarci dal male e da chi vuole controllare e comandare l’umanità.

Pietro Gargano

La biografia



Pietro Gargano nasce a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, nel 1979. Pittore e ceramista, è un artista “antiaccademico”. Non ha mai frequentato nessuna scuola o accademia d’ arte, dipinge per “pura passione creativa e spirito di rivoluzione nel mondo dell’arte”. E’sempre stato attratto dalla pittura d’azione e dall’espressionismo astratto. Il gesto che lui compie  con il colore ottiene risultati vividi grazie a graffi rapidi e decisi  che egli imprime con le proprie unghie alla stesura pittorica. “Utilizzo soltanto le mie unghie – dice – senza artifici ed attrezzi “. Ciò gli consente di esprimere un mondo di visioni, di sogni guidati attraverso un inconscio che si slega temporaneamente dal mondo inteso come prodotto di una convenzione. Sul cartone, Gargano fa esplodere tutta la propria rabbia e le proprie paure e il suo fine di comunicazione è quello “di inquietare e turbare le coscienze della gente che osserva i miei dipinti ma soprattutto la società in cui viviamo con la sua morale falsa ed ipocrita”.
E nel 2016 le sue opere saranno pubblicate ed archiviate anche sul catalogo Mondadori dell’Arte Moderna “Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi”.
Ed è prevista entro fine 2016 anche una sua pubblicazione sul catalogo “Correnti artistiche internazionali a confronto nel XXI Secolo (Vol.IV)” con archiviazione alla biblioteca “Thomas J. Watson” del Metropolitan Museum di New York.

x

Ti potrebbe interessare

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicaalMuseo

a dylan

Avete mai visto i quadri dipinti da Bob Dylan? In 3 minuti guardate qui la sua antologia pittorica