Home / Aneddoti sull'arte / Pietro Torrigiani – Che vita dura, dopo aver rotto il naso a Michelangelo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pietro Torrigiani – Che vita dura, dopo aver rotto il naso a Michelangelo


Il genio del Rinascimento ebbe il setto nasale spezzato da un pugno sferratogli da un collega irritato per le sue celie feroci. Il colpevole fu esiliato, ma il volto di Buonarroti restò segnato per sempre. Come testimoniano gli autoritratti e le poesie.

Quel pugno che gli aveva frantumato il setto nasale, Michelangelo non se lo sarebbe più scordato. Secondo la versione riportata da Benvenuto Cellini, tutto ebbe inizio in una tranquilla giornata: i due camminavano scherzando, come erano soliti fare, tra le navate della chiesa fiorentina dove lavoravano e dove era nata la loro amicizia. Nulla lasciava presagire che qualcosa di diverso dal solito sarebbe potuto accadere, fino al momento fatidico, il momento in cui un pugno chiuso, inatteso, scattò verso il volto di uno dei giovani.

 

Torrigiani I (1)

La vittima non era altri che Michelangelo, appunto, mentre l’assalitore, più anziano di tre anni, era Pietro Torrigiani, il quale, dopo una giornata trascorsa nella cappella Brancacci, offeso da uno scherzo troppo spinto del Buonarroti, non riuscì a resistere alla tentazione di rifilargli un cazzotto come egli racconterà a Cellini: ”… mi venne assai più stizza che ‘l solito e, stretto la mana, cli detti sì grande il pugno in sul naso, che io mi sentì  fiaccare sotto il pugno quell’osso e tenerume del naso come se fusse stato un cialdone: e così segniato da me resterà insin che vive”.


Le ipotesi riguardanti il reale motivo di tale gesto sono molte: chi dice che Michelangelo si fosse comportato con particolare pesantezza, lui che era solito “uccellare tutti quelli che disegnavan”; chi invece, è ponto ad affermare che Torrigiani, suo collega fosse invidioso della fama e della stima che il compagno acquistava giorno dopo giorno presso i potenti. Anche quanto riguarda il luogo del misfatto, dato per certo da Cellini, non c’è conferma assoluta: per Vasari, ad esempio, l’incidente sarebbe avvenuto presso i giardini di San Marco. Ad ogni modo, comunque siano andati i fatti, alcune cose sono certe. Innanzi tutto va detto che Piero aveva azzeccato il pronostico: la storpiatura rimarrà a segnare sempre il volto del Buonarroti, come testimoniano gli autoritratti, tra i quali spicca per singolarità e pregio quello che appare nell’affresco del Giudizio Universale. Nella pelle che pende dalla mani di San Bartolomeo, pur nell’informe feticcio, sono riconoscibili le sembianze dell’artista, e quel naso rotto che ormai lo caratterizza.

MICHELANGELO BUONARROTI, Giudizio universale, (part.), 1535-1541, affresco, m 13,7 x 12,2, Città del Vaticano, Cappella Sistina

MICHELANGELO BUONARROTI, Giudizio universale, (part.), 1535-1541, affresco, m 13,7 x 12,2, Città del Vaticano, Cappella Sistina

Nel capolavoro non è dimenticato nemmeno Torrigiani, che rappresentato alla spalle di San Pietro, vestito di verde, chino in una posa contorta che somiglia assomiglia sorprendentemente alla piega assunta dal setto percosso del maestro. Per comprendere quanto Michelangelo fosse ossessionato dalla lesione, basti sapere che la ricorderà non solo nella pittura, ma anche in poesia. Scriverà, infatti, forse in un momento particolarmente buio, il seguente verso: “La faccia mia ha torma di spavento”.

Pietro Torrigiani o Torrigiano, San Girolamo penitente, 1525 circa, terracotta policroma, cm 1,26, Museo di belle arti, Siviglia

Pietro Torrigiani o Torrigiano, (1472-1528), San Girolamo penitente, 1525 circa, terracotta policroma, cm 1,26, Museo di belle arti, Siviglia



Se Buonarroti piangeva, peraltro, non rise molto l’irascibile Torrigiani. Che, proprio a ragione dl suo gesto avventato, subì addirittura l’esilio da Firenze. Scultore abilissimo, Torrigiani fu segnato da quel pugno e dall’esilio; al punto che la sua reale grandezza si disperse tra l’Inghilterra e la Spagna dove morì in prigione per aver sfregiato un Cristo da lui stesso modellato; il gesto fu interpretato come un’azione sacrilega e non come una protesta nei confronti dei ritardi di pagamento da parte del committente

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video