Home / Arte Eros / Porno-cartoni animati. Così il ’68 distrusse nel trash il mito dolce di Biancaneve.
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Porno-cartoni animati. Così il ’68 distrusse nel trash il mito dolce di Biancaneve.

Arte erotica, pittura erotica, disegni erotici, erotismo nell’arte, disegni erotici, quadri erotici, stampe erotiche, il sesso nell’arte

biancaneve

Al di là di possibili e probabili intenti commerciali, questi filmati si inserirono nel clima di iconoclastia politica e artistica dei miti buoni della società  borghese. Una sorta di profanazione pop di un culto laico. I filmini Super 8 presero a girare e a frantumare tutto ciò che di candido potesse restare. Del resto si parlò, poi, di Vizi privati e pubbliche virtù, che avevano contrassegnato tutti  i grandi puritani della storia. Il sesso, alla Bataille,  frantumava ogni possibile verità di facciata.Sesso che fu utilizzato, negli anni Settanta, anche come un’arma politica. I cartoni animati porno di quell’epoca non sono capolavori e possono arrecare,oggi,un certo disturbo, legato al deja vu e alla perdita della dirompenza della provocazione. Il film di Biancaneva faceva parte di tre cartoni animati ‘erotici’ di produzione tedesca realizzati negli anni 70 dalla Amor film, che furono distribuiti in super 8 dalla Starlight film (Bochum) e rilanciati, attraverso un medium di più facile e diffuso utilizzo, nella versione italiana presentata in vhs negli anni 80 dalla Mediolanum film, con introduzione di Cicciolina. Ai tempi in cui erano piccole pellicole risultavano ricercatissimi e furono oggetto di collezione

 

ACCEDI GRATUITAMENTE, CLICCANDO SUL LINK, ALLA NOSTRA RICCHISSIMA RACCOLTA DI STUDI E SAGGI DEDICATA AD ARTE ED EROS

www.stilearte.it/category/arte-eros/

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti