Home / Mostre in Italia / Prorogata fino al 13 settembre la mostra veronese ARTE e VINO
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Prorogata fino al 13 settembre la mostra veronese ARTE e VINO

arte vino

ARTE E VINO

11 aprile 2015 – prorogata fino al 13 settembre
Gran Guardia, piano nobile, piazza Bra, Verona

Orario:
L’orario di apertura è dalle h 9.30 alle h 20.30, venerdì sera fino alle h 22.30

Biglietti:
Intero (con audioguida compresa nel prezzo): € 12,00
Ridotto (con audioguida compresa nel prezzo): € 9,00

Per informazioni:
T +39 045 7110127


Confortata da un ampio riscontro di pubblico e critica, la mostra veronese – che propone per la prima volta al pubblico il caleidoscopico universo delle rappresentazioni del vino nell’arte attraverso i secoli – è stata prorogata al 13 settembre 2015.

Ospitata da aprile al Palazzo della Gran Guardia di Verona, l’esposizione “Arte e Vino” si avvale dei prestiti eccezionali di grandi musei del mondo, primo fra tutti il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo e di numerosi altri capolavori provenienti dalle più importanti istituzioni internazionali e nazionali e collezioni private, oltre 90 sono infatti i prestatori.

La mostra, che sta registrando una costante attenzione da parte della stampa e sui social network  grazie al suo percorso affascinante e per nulla scontato, si appresta a raggiungere quota 25.000 visitatori.

“Abbinare l’arte al vino è eccezionale, tra miti e leggende, tra sacro e profano, e importanti capolavori, un bell’intreccio di appassionante ristoro per il corpo e per la mente”, “semplicemente UNICA”, “mostra incantevole, vista (e rivista!)”, “opere di valore e bellezza inestimabile”, sono solo alcuni dei positivi post che appaiono sulla pagina Facebook della mostra e che dimostrano come il pubblico stia apprezzando il progetto espositivo che incrocia con grande suggestione due simboli dell’Italia nel mondo.

Nata da un’idea di Annalisa Scarpa e Nicola Spinosa, curatori dell’esposizione, la mostra – che vanta il prestigioso patrocinio di EXPO 2015 – è promossa dal Comune di Verona, da Veronafiere, dalla Provincia Autonoma di Trento, dal Museo Statale Ermitage e dal Mart ed è prodotta e organizzata da Villaggio Globale International e Skira Editore.
Numerosi sono stati gli sponsor che hanno aderito e sostenuto questo ambizioso progetto espositivo come Fondazione Cariverona e Trentino Marketing, insieme ad altri importanti Enti pubblici e privati – Amia, Acque Veronesi, Corsorzio Zai–Interporto Quadrante Europa, AMT Verona, Banco Popolare, Cofely, Veronamercato – e un gruppo prestigioso di wine sponsor come Allegrini, Corte Giara, Feudi di San Gregorio, Poggio al Tesoro, Trento DOC, Valle Reale e Villa Sandi.

Il carattere multidisciplinare dell’esposizione che tocca differenti temi (Suggestioni dall’antico, Vino e Sacro, il Mito, il Lavoro, lo scorrere delle stagioni e i piaceri dell’incontro) in un percorso di oltre cinque secoli di storia dell’arte, insieme agli oltre 180 capolavori dei più grandi artisti – da Lotto a Picasso con Reni, Giordano, Carracci, ma anche Rubens, de Ribera, Poussin, Jordaens; e poi Carpioni, Longhi, i Bassano, Ricci, Tiepolo, van Honthorst e, via via fino a Morbelli, Nomellini, Inganni, De Pisis, Depero, Morandi e Guttuso – ha suscitato l’entusiasmo da parte del pubblico.

A concorrere al successo dell’iniziativa hanno contribuito anche le numerose attività collaterali – tra cui le visite tematiche abbinate a degustazioni con esperti sommelier oppure le serate dedicate ad un pubblico più giovane che uniscono il mondo della grande arte a quello conviviale dell’aperitivo o le visite guidate gratuite per gli abitanti della provincia di Verona – che hanno riscosso un’ampia soddisfazione tra i visitatori e che verranno ripetute anche durante la proroga.

Arte e Vino sarà quindi accessibile al pubblico tutti i giorni fino al 13 settembre 2015, dalle ore 9.30 alle ore 20.30 e il venerdì apertura serale fino alle 22.30 (la biglietteria chiude un’ora prima).

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista