Home / Le piante nell'arte / Qual è il significato del giardino? Cosa rappresenta? Come cambia? Video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Qual è il significato del giardino? Cosa rappresenta? Come cambia? Video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995


a giardino

Luogo in cui la donna e l’uomo modulano e dominano la natura, potenziandola nel bello, il giardino è legato, in ogni religione, a un luogo dell’aldilà o a una terra perduta, come l’Eden cristiano a un paradiso realizzato sulla terra, come nel buddismo. Miniature medievali rappresentano l’hortus conclusus come luogo della Madonna o della civiltà cortese e ciò in contraddizione con la foresta – regno del groviglio spaventoso – o dei campi attigui al castello, coltivati a fatica dai contadini, che vivono in una condizione di minima sussistenza o di schiavitù. Il giardino è sempre un luogo chiuso, circondato da un muro, da uno steccato o conformato architettonicamente, come avviene nel cosiddetto giardino all’italiana. La presenza di acqua potenzia questa immagine di dono. Come pure è possibile osservare nei tappeti orientali, nei quali, al centro, zampilla una fonte d’acqua perenne.

Premio alla virtù del proprietario o calmo luogo in cui assaporare le proprie ricchezze, il giardino pertanto assume anche una connotazione sociale, nella cultura dell’Occidente. E’ uno status symbol, come i palazzi e i quadri. Soltanto le classi dominanti che si sono affrancate dalla dura necessità della vita sono in grado di progettare o far progettare giardini meravigliosi. Ogni epoca proietta poi la filosofia nella forma del proprio giardino. Un esempio per tutti. Pensiamo al parco romantico. Con i grovigli di piante e un apparente disordine. Molto sturm und drang. E oggi? Un ritorno all’ordine. E, forse, alla prevedibilità dei canoni.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le tele dei maghi e delle streghe, ritratti dal vero

Hokusai, il sogno erotico della moglie del marinaio (1820). Il dialogo proibito. Eccolo