Home / Corso di pittura on line gratis / Quando Schad il dadaista inventò il collage dipinto dai raggi del sole
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

christian-schad-self-portrait-1929

Quando Schad il dadaista inventò il collage dipinto dai raggi del sole


Nel 1915, Schad si trasferisce in Svizzera, ed entra in contatto con i dadaisti. Conosce Arp, Ball, Picabia. Presto diviene egli stesso una figura di primo piano del movimento: dipinge, esegue xilografie ed assemblage in legno policromo, fonda con Walter Serner la rivista Sirius. Ed inventa – in anticipo rispetto alle analoghe sperimentazioni di Man Ray – le celebri schadografie.

Questa tecnica – a metà tra la fotografia e il collage – prevedeva che la pellicola venisse impressionata dalla luce del sole, direttamente, senza l’ausilio cioè della macchina fotografica, dopo che sulla pellicola stessa erano stati posti ritagli di carta ed altri materiali, i quali, impedendo o filtrando il passaggio della fonte luminosa, davano origine a particolarissimi effetti di chiaroscuro. La paternità del termine schadografia (non tutti lo sanno) è da assegnare a Tristan Tzara, che giocò sull’assonanza tra il nome dell’artista tedesco e la parola inglese shadow, ombra.

Una schadografia dell’artista tedesco

Una schadografia dell’artista tedesco

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico