Home / News / Filippo De Pisis quotazioni gratis
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Filippo De Pisis quotazioni gratis

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

De pisis copertina DEFINITIVA

Luigi Filippo Tiburtelli, conosciuto come Filippo De Pisis,  fa parte di quella generazioni di grandi creativi che ebbero i natali nell’ultimo decennio dell’Ottocento. Nacque infatti a Ferrara l’11 maggio 1896. Fu educato , come i suoi fratelli, nell’ambito degli accoglienti muri domestici da un precettore ed avviato al disegno dal pittore Odoardo Domenichini. Il viaggio obbligato a Venezia per la visita militare, a seguito della quale viene riformato, gli permette di aprire gli occhi sui colori della laguna e sui suoi massimi esponenti artistici. Successivamente si trasferisce a Bologna, dove frequenta la facoltà di Lettere, avvicinandosi alla poetica futurista, ed entrando poi in rapporto con Marino Moretti, Umberto Saba e epistolarmente con Ardengo Soffici

Conseguita la laurea in Lettere, insegna per un breve periodo; poi si trasferisce a Roma, assumendo la decisione di dedicarsi alla pittura; qui diventa amico del pittore Armando Spadini e frequenta il milieu di “Valori Plastici” e stringe rapporti di amicizia con il pittore Armando Spadini. Il suo approccio stilistico punta a un disfacimento progressivo della materia, in un’evocativa vibrazione dei colori, allontanandosi da una tradizionale idea del bello, verso un silenzio che tiene conto delle emanazioni della pittura metafisica, ma in direzione del disfacimento.

La maturazione avviene nel periodo parigino – si trasferisce nella capitale francese nel 1925 – dove inizia a confrontarsi con i pittori dell’Ottocento e con i contemporanei, recuperando anche il mezzo espressivo della poesia. Egli supera la lezione impressionista – dalla quale recepisce il fondamento della pittura di tocco – e amplifica le modalità soggettive di rappresentazione delle realtà. Come la poesia montaliana, egli recupera piccole cose – conchiglie, piume – che diventano oggetto di una commisurazione emotiva.  Come la poesia montaliana, egli recupera piccole cose – conchiglie, piume – che diventano oggetto di una commisurazione emotiva.  Un’arte che coglie, nella maturità, una stenografia pittorica che assume sempre più il disfacimento della materia e del paesaggio, in una visione esistenzialista della realtà.

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, IL VALORE DI MERCATO, LE STIME DI BASE dei quadri di Filippo De Pisis,  CON FOTOGRAFIE E SCHEDE. PER ACCEDERE, CLICCA QUI SOTTO, prima su un link, poi sull’altro per avere il quadro completo

 

Prima fonte di rilevamento:

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=de+pisis 


Seconda fonte di rilevamento:
http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=filippo%20de%20pisis

 

 

 

 

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

 

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico