Home / News / Rarissimo, pochi secondi. Degas tra i passanti in un film del 1915. E’ la sua unica immagine in movimento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

© Emanuele Bernardelli Curuz
© Emanuele Bernardelli Curuz

Rarissimo, pochi secondi. Degas tra i passanti in un film del 1915. E’ la sua unica immagine in movimento


Pochi fotogrammi: un anziano corpulento e barbuto, dal passo deciso, accanto a una donna, cammina lungo il marciapiede parigino ed evita la macchina da presa, uscendo dal campo visivo del film. Questi sono gli unici fotogrammi rimasti di Degas, mentre si muove, e vive. La postura sembra raccontarci, anche se per pochi istanti, molto del carattere del maestro. La ripresa fu casuale. Soltanto dopo lo sviluppo della pellicola, ci si accorse che quel signore, transitato da pochi istanti davanti a una caffetteria, era lui, il grande maestro.  Gli restavano due anni di vita. Sarebbe infatti morto nel settembre 1917.



Testa la tua preparazione e conoscenza del mondo dell’arte. Qui trovi gli aspetti più particolari della vita dei grandi pittori.

Oggi parliamo di Edgar Germain Hilaire Degas (Parigi 1834-1917), pittore e scultore francese

 

FORSE NON SAPEVI CHE:

1 – Degas ha sofferto di problemi agli occhi a partire dal 1860. Un disturbo non da poco, che ha compromesso progressivamente la visione dei dettagli, dei contrasti e delle ombre. Un difetto che  l’artista francese è riuscito incredibilmente a contrastare e a compensare, come dimostrano gli innumerevoli capolavori prodotti.

2 – Studiò i fondamenti della pittura da un discepolo di Ingres, nel 1853

3 –  “La classe di danza” , dipinto nel 1874, e oggi conservato al  Museè d’Orsay di  Parigi è uno di primi dipinti realizzati dall’artista sul tema del ballo e delle danzatrici.

Edgar Degas - “Lezione di danza” (1874) Museè d’Orsay, Parigi

Edgar Degas – “Lezione di danza” (1874)
Museè d’Orsay, Parigi

4 – Il primo quadro moderno portato a compimento da Degas nel 1862 e’ “La famiglia Bellelli” ed è frutto di un viaggio del pittore a Firenze, e in Italia, dove scoprirà la pittura di Signorelli, Botticelli e Raffaello

5 – Nell’opera “La famiglia Bellelli”, sono raffigurate la  zia dell’artista Laura Degas, il marito Gennaro Bellelli e le due cuginette di Degas nell’appartamento in affitto in piazza Maria Antonia, nel nuovo quartiere del Barbano, l’odierna piazza dell’Indipendenza.

La famiglia Bellelli, 1858-1867

La famiglia Bellelli, 1858-1867

x

Ti potrebbe interessare

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo

a dylan

Avete mai visto i quadri dipinti da Bob Dylan? In 3 minuti guardate qui la sua antologia pittorica