Home / Mostre in Italia / Renato Guttuso. Il Realismo e l’attualità dell’immagine
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Renato Guttuso: Case di Palermo, 1976
Renato Guttuso: Case di Palermo, 1976

Renato Guttuso. Il Realismo e l’attualità dell’immagine

Cinquanta opere di assoluto rilievo riunite nella mostra – realizzata dall’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta e ospitata al Museo Archeologico Regionale di Aosta, curata da Flaminio Gualdoni con Franco Calarota – Renato Guttuso. Il Realismo e l’attuallità dell’immagine.

Il corpus della mostra racchiude nature morte della fine degli anni ’30 e dei primi ’40 e opere emblematiche dell’artista siciliano come:  Partigiana assassinata, 1954,  Bambino sul mostro, 1966 e Comizio di quartiere, 1975.

 

Scrive Flaminio Gualdoni nel saggio introduttivo al catalogo: “Ora che l’ideologia dell’avanguardismo a ogni costo cede il posto a riflessioni meditate sul secondo dopoguerra, la scelta ispida di Guttuso, un’aristocrazia formale attenta allo stesso tempo alle ragioni essenziali del comunicare, conferma che il senso della storia può essere continuità e non rottura, far nuova la sostanza dello sguardo e non la pelle del far vedere, riportare l’umano al centro del discorso e non limitarsi a un’arte che parli solo d’arte”.

 

RENATO GUTTUSO. Il Realismo e l’attualità dell’immagine

Aosta – Museo Archeologico Regionale
Fino al 22 settembre 2013

Orario: dal martedì alla domenica 10.00 – 18.00. Lunedì chiuso.

Per informazioni:
Assessorato Istruzione e Cultura
Attività espositive: tel. 0165.274401
E-mail: u-mostre@regione.vda.it
Internet: www.regione.vda.it

 

catalogo mostra

 

 

Acquista subito il catalogo della mostra:

Renato Guttuso. Il realismo e l’attualità dell’immagine.
x

Ti potrebbe interessare

crocifisso di cividale

Il Crocifisso di Cividale. Da dove viene l’immagine di quel gigante buono?

Moses Levy: Spiaggia e figure a Viareggio, 1921

Moses Levy, le spiagge magiche e fatate degli anni Venti