Home / Stile arte Brescia / Reperti e lapidi romane a Ronco di Gussago – Sesto Valerio Poblicola
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Reperti e lapidi romane a Ronco di Gussago – Sesto Valerio Poblicola

Tempio capitolino, Brescia, cella centrale o Cella di Giove. Qui, alla destra di chi guarda venne murata nel XIX secolo la lapide dedicata a Sesto Valerio Poblicola, trovata in un canale di Ronco di Gussago

Tempio capitolino, Brescia, cella centrale o Cella di Giove. Qui, alla destra di chi guarda venne murata nel XIX secolo la lapide dedicata a Sesto Valerio Poblicola, trovata in un canale di Ronco di Gussago

La lapide rinvenuta a Ronco di Gussago utilizzata prima come materiale lapideo per il pozzo del paese, poi come parte di sponda per un canale

La lapide rinvenuta a Ronco di Gussago utilizzata prima come materiale lapideo per il pozzo del paese, poi come parte di sponda per un canale

 

 

E’ Sestio Valerio Poblicola, appartenente a una potente famiglia e alla gens del poeta Catullo, anch’egli un Valerius, l’antico romano proprietario di una grande villa proprio nel piccolo centro franciacortino, a Ronco di Gussago, in provincia di Brescia. La villa doveva sorgere nei pressi dell’attuale chiesa parrocchiale dedicata a San Zenone. Qui furono trovati due imponenti capitelli romani,provenienti evidentemente da un edificio preesistente.I capitelli sono oggi collocati a terra, presso il portale della chiesa. Nel muro dell’edificio sono evidenti altri elementi lapidei che denoterebbero una lavorazione romana. La presenza di Sesto Valerio Poblicola a Gussago è dimostrata da una pesante lapide murata nella cella di Giove – quella centrale – del Tempio capitolino di Brescia. In essa è scritto: “A Sestio Valerio Poblicola figlio di Sesto della tribù Fabia, cavaliere romano, che ebbe fornito dallo stato il cavallo, senatore dei municipii di Brescia, Verona, Trento e Nicomedia, al quale l’ordine senatorio bresciano decretò una statua equestre dorata ed i funerali a spese pubbliche, ed a Clodia Procilla, figlia di Quinto, sacerdotessa della diva Plotina (pose) il figlio Sesto Valerio Poblicola Priscilliano”.

Un’epigrafe, che gli studiosi fanno risalire ad un periodo successivo al 129 d.C., posta dal figlio per commemorare papà e mamma, due componenti di alto lignaggio della società romana dell’epoca. Ma perché era affissa proprio a Ronco? Tale targa dimostra la radicata presenza della famiglia in questa zona, legat a proprietà, terreni.
“Sestio Valerio Poblicola – dice la ricercatrice storica Rinetta Faroni, che ha dedicato al cavaliere un capitolo del suo libro “Brevi di storia. Passato remoto e prossimo a Gussago e dintorni” – era cavaliere e decurione, uno dei cento membri del Senato locale, uno dei primi bresciani assurti al rango senatoriale. Clodia Procilla, sacerdotessa per il culto di Plotina (moglie di Traiano e divinizzata da Adriano)”.
Poblicola era un cognomen molto diffuso tra la gens Valeria, clan familiare patrizio di Roma, molto probabilmente facente parte delle cento gentes originarie ricordate dallo storico Tito Livio.
Una grande famiglia che ha scritto la storia di Roma, protagonista di molte vicissitudini. Vicissitudini che hanno interessato, nel piccolo, anche la lapide di Ronco, andata dispersa per più di mille anni e ritrovata, il 20 novembre del 1816, da Luigi Lechi, patriota e appassionato di storia, per pura casualità. “Durante uno dei suoi numerosi spostamenti – scrive Rinetta Faroni – tra la città e la Franciacorta, Lechi nota, a Ronco, sul ciglio della strada comunale, delle pietre che sostengono la sponda di un fosso parallelo al percorso sterrato. Il suo occhio esperto riconosce la pietra di Botticino e non un banale medolo”, e fa richiesta al Comune di poter prelevare i due pezzi di lapide con l’impegno di riparare la rottura causata. Dagli atti comunali si scopre che i due pezzi di questa epigrafe erano stati utilizzati in precedenza per la costruzione del pozzo di Ronco, demolito più tardi, per poi diventare parte di un muro di contenimento sul ciglio della strada.

 

Ronco di Gussago visto dalla strada romana che giungeva da Brescia

Ronco di Gussago visto dalla strada romana che giungeva da Brescia

 

Strada romana tra Gussago e Ronco

Tracciato della strada romana tra Gussago e Ronco

 

Strada romana nei pressi di Ronco

Strada romana nei pressi di Ronco

 

strada romana via

Lachiesa parrocchiale di Ronco sorge nei pressi dell'antico tracciato della strada romana

Lachiesa parrocchiale di Ronco sorge nei pressi dell’antico tracciato della strada romana

Uno dei due capitelli romani, ora collocati davanti alla chiesa di San Zenone, a Ronco

Uno dei due capitelli romani, ora collocati davanti alla chiesa di San Zenone, a Ronco

Elemento lapideo antico nella muratura della chiesa parrocchiale di Ronco

Elemento lapideo antico nella muratura della chiesa parrocchiale di Ronco

Elemento lapideo antico nella muratura della chiesa parrocchiale di Ronco

Elemento lapideo antico nella muratura della chiesa parrocchiale di Ronco

Elemento lapideo antico nella muratura della chiesa parrocchiale di Ronco

Elemento lapideo antico nella muratura della chiesa parrocchiale di Ronco

Sulla linea della strada romana sarebbe sorto il castello di Ronco, oggi trasformato in abitazione

Sulla linea della strada romana sarebbe sorto il castello di Ronco, oggi trasformato in abitazione

x

Ti potrebbe interessare

Eugenio Busi – Dipinti di caccia

Claudio Filippini, l’essenza delle cose