Home / Pittura antica / Ricco è bello, il committente padovano di Giotto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ricco è bello, il committente padovano di Giotto


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

di Sandra Baragli

Da sempre gli affreschi padovani di Giotto sono stati collegati al ricco e potente Enrico Scrovegni, che si riteneva li avesse commissionati per redimere i peccati di usura suoi e del padre, Reginaldo, e così salvarsi l’anima e guadagnare il Paradiso. In un recente saggio pubblicato da Einaudi (L’affare migliore di Enrico. Giotto e la cappella Scrovegni, 586 pagine, 65 euro), Chiara Frugoni offre però, attraverso numerosi indizi, una nuova immagine del personaggio.

Giotto, Enrico Scrovegni offre  alla Vergine il modellino della cappella, particolare del Giudizio Universale

Giotto, Enrico Scrovegni offre
alla Vergine il modellino della cappella, particolare del Giudizio Universale


La cattiva fama di Reginaldo ed Enrico – prestatori di denaro e potenti politicamente, e quindi invisi a molti – ebbe origine con Giovanni da Nono che, nella sua opera “velenosa e frammentaria”, composta intorno al 1318-25, parla delle famiglie di spicco della città, arricchendola di maldicenze riguardo allo Scrovegni. E Dante (amico e ospite della fazione opposta a quella degli Scrovegni, i Della Scala), un po’ dopo che la cappella era stata dipinta, pose Reginaldo nell’Inferno, tra gli usurai, contribuendo definitivamente a crearne l’immagine negativa.

In realtà, quando Enrico, ancora giovane, si accinse a commissionare a Giotto gli affreschi di quella che doveva inizialmente essere una piccola cappella privata affiancata allo splendido palazzo di famiglia, aveva certo in mente ambiziosi progetti politici: cosicché la cappella, con i suoi 700 metri quadrati di pitture, diventò una sorta di “manifesto di propaganda” attraverso il quale il committente si presentava generoso e prodigo con i propri concittadini.

Per questo motivo fu sua cura ottenere, già nel 1304 (data in cui i lavori, cominciati tra il 1300 e il 1302, erano evidentemente terminati), un’indulgenza di un anno e quaranta giorni per chi avesse visitato la chiesa durante le feste mariane, e di cento giorni per chi vi si fosse recato una settimana dopo di esse, fatto che dà la misura delle relazioni e dell’ambizione del committente.

Nessuna traccia di pentimenti o sensi di colpa appare nel testamento di Enrico, dove anzi egli si mostra attentissimo al futuro della cappella, esigendo che vi sia tumulato il proprio corpo (il sepolcro sarà opera di un altro “modernissimo” artista dell’epoca, Giovanni Pisano), e affidandone la custodia e la conservazione ad una comunità religiosa. Non a caso Enrico Scrovegni si fa ritrarre tra gli eletti nel Giudizio Universale nella parete ovest, fiero di aver edificato a sue spese il luogo di culto, di cui offre alla Vergine il modellino.

Numerosi sono i messaggi veicolati dagli affreschi, sempre attenti a collocare in una luce positiva il valore pecuniario, a partire dalla descrizione delle vicende di Anna e Gioacchino, i genitori di Maria premiati da Dio perché facevano buon uso del denaro, dandone una parte in carità; od ancora, l’aver omesso di rappresentare le monete dei cambiavalute ne La cacciata dei mercanti dal tempio, o la scelta di opporre a Karitas, nella raffigurazione dei Vizi e delle Virtù, non Avaritia ma Invidia.

Giotto, a cui si attribuisce pure una canzone contro la povertà (“Molti son que’ che lodan povertate…”), fu esecutore magistrale del programma voluto dal committente: un committente per nulla pentito, come si diceva, ma orgoglioso del suo splendido dono giunto fino a noi e che ogni volta ci riempie di ammirato stupore.


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Jean Fouquet. Scandalosa amante del re. Agnese a seno nudo diventa la Madonna

Gentile Bellini e il primo sultano della guerra mediatica