Home / News / Rinaldo Campana
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Rinaldo Campana

Decrescita felice 1 BASSA

Rinaldo Campana, Decrescita felice, 2015, polistirolo intagliato e verniciato, 100 x 100 x 16 cm

Decrescita felice 2 BASSA

Decrescita felice 3 BASSA

Materiale e tecnica di Decrescita felice

Materiale e tecnica di Decrescita felice

 

Autore: Rinaldo Campana

Titolo opera: Decrescita felice

Anno: 2015

Tecnica e materiali: polistirolo intagliato e verniciato

Misura: cm 100 x 100 x 16

Nota esplicativa: L’opera si pone all’interno della continua ricerca di una forma nuova, di un nuovo gioco di volumi, di superfici e di segni scavati che rivelano un nuovo equilibrio di prospettive distorte, attraverso un linguaggio scolpito che parla di emozioni, di vissuti, di relazione con l’altro e l’ambiente circostante.

 

Biografia

Scultore del legno autodidatta, inizia col figurativo per passare poi all’astratto. Ha partecipato a numerose mostre individuali e collettive; nel 1998 ha vinto al concorso di scultura a tema “Ha lavorato con mani di uomo” indetto dall’Ordine delle suore operaie della Santa Casa di Nazareth; nel 2010 partecipa alla mostra “Friend’s face” con un autoritratto intitolato “Al di là delle apparenze” e viene selezionato dalla giuria fra i primi sei. E’ membro dell’associazione Arte Viva di Passirano.

 

Sito web & Links: /

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica