Home / News / Sai quanto vale una coppia di zoccoli scolpita da Gauguin?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sai quanto vale una coppia di zoccoli scolpita da Gauguin?


Paul Gauguin
1848 – 1903
“SABOTS”
inscribed P Go (on the right shoe)
A pair of carved wooden shoes.
length: 29.2 cm
Executed in 1890.
Aggiudicato 24 JUN 2014 | LONDON | 10:00 AM
Estimate 120,000 — 180,000 GBP —>Aggiudicato a  163.000 – 244.000 euro
Lasciata la Francia urbana, dalla quale era stato tremendamente annoiato, Paul Gauguin, spirito ribelle alla ricerca di una nuova via coniugasse il rinnovamento dell’esistenza con quello della pittura, approdò a Pont Aven un meraviglioso villaggio a Nord ovest della Francia, in Bretagna. Per gli artisti e per la pubblicistica dell’epoca,  Pont Aven era dotato di uno stato di grazia, quasi unico. Era rimasto incontaminato dagli elementi negativi della civiltà, ma era un luogo gentile, popolato da persone spiritualmente intense, semplici ma non volgari. Le donne vestivano ancora con i variopinti della tradizione e un sentire religioso profondo, una spiritualità legata alla natura dominava il paesaggio antropologico.Negli anni dopo il 1870 il villaggio fu luogo di soggiorno di numerosi artisti, specialmente statunitensi, attirati dalle favorevoli condizioni di vita dell’area. Uno di loro, Armand Jobbé-Duval, fondò la corrente del sintetismo. Nuova forza alla Scuola di Pont-Aven venne dal soggiorno di Émile Bernard, Paul Sérusier e Paul Gauguin (1886). A Pont Aven oltre a superare definitivamente i dolci venefici dell’impressionismo – da lui considerata una pura pittura ottica, non in grado di cogliere lo spirituale nell’arte – Gauuguin avrebbe messo a punto quella tecnica di disi ntesi che poi conosciamo, con esisti grandiosi, nelle opere che realizzò in Polinesia. Durante il soggiornoa  Pont Aven, l’artista realizzò sculture e intagliò zoccoli; era una forma di esercizio per comprendere meglio quelle donne e quegli uomini e, attraverso l’intaglio, avvicinarsi all’Assoluto naturale
x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista