Home / News / Salento, la fonte sacra della Poesia e il santuario della piscina naturale. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Salento, la fonte sacra della Poesia e il santuario della piscina naturale. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

a città


Salento, Costa adriatica, ecco Roca Vecchia, uno dei tratti di costa più incantevoli lungo la litoranea Lecce-Otranto, ad una distanza di circa 20 chilometri dal capoluogo salentino – spiegano i redattori di Salentowebtv Lecce che hanno realizzato questo breve, ma significativo documentario su una “città perduta” sulla costa pugliese. Con antri, piscina naturale, resti di manufatti che contrastano, nel chiarore abbacinante con il mare turchese – Qui il paesaggio è modellato da forme carsiche superficiali: grotte, gallerie e cunicoli immersi in un territorio ancora incontaminato. All’interno di quest’area, tra le alte falesie e i resti archeologici, c’è la Grotta della Poesia, una tra le dieci piscine naturali più belle del mondo, oggetto anche di numerose leggende e meta prediletta dei tuffatori impavidi. Il vero nome della Grotta è Grotta della Posia, deriva dal greco e significa “sorgente di acqua dolce”, qui i signori del mare pregavano gli dei.

Rappresentava, infatti, una vera e propria Grotta santuario. Lungo tutto il perimetro interno della grotta sono presenti simboli, iscrizioni e graffiti che risalgono sia al II secolo a.C. che all’età romana repubblicana. Nell’area adiacente il sito archeologico di Roca Vecchia che sorge e si estende su un promontorio con la torre cinquecentesca. Si tratta di uno tra gli insediamenti archeologici più importanti del bacino del Mediterraneo soprattutto per quanto riguarda l’età del Bronzo della quale ne rappresenta una straordinaria testimonianza storico religiosa. Il Castello fu eretto nel XIV secolo e posizionato a strapiombo sul mare Adriatico. Le grotte scavate nelle scogliere calcaree di Roca Vecchia sono state utilizzate da monaci basiliani che, in passato, vivevano come eremiti in questi luoghi.

Luogo prezioso per gli esperti di archeologia sottomarina, su questi fondali, infatti, è stato riscontrato il ripetersi dei motivi archeologici del retroterra in una vera e propria città sommersa che, nelle profondità marine, custodisce ancora i segreti di una civiltà fiorita nel terzo e secondo secolo prima di Cristo. Sempre sul fondo marino si sovrappongono i resti della civiltà greca e romana e, infine, di quella turca e saracena a noi più vicina, la quale ha lasciato le sue tracce anche sulle aguzze rocce”.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti