Home / News / San Valentino, un volto spaventoso che celebra l’amore. Perchè
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

San Valentino, un volto spaventoso che celebra l’amore. Perchè

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

san valentino copertina

Sono almeno tre diversi santi di nome Valentino, tutti e tre i martiri. La loro festa è stata istituita il 14 febbraio da Papa Gelasio nel 495 . E ‘stato da quel momento che sono menzionati nei primi martirologi. Il più noto è San Valentino di Terni, vescovo della città umbra.San Valentino, detto anche san Valentino da Terni o san Valentino da Interamna (Terni, 176 circa – Roma, 14 febbraio 273), è stato un vescovo romano, martire.

San Valentino (con il committente del dipinto), di Lucas Cranach, Galleria delle arti figurative di Vienna, particolare, 1502. La figura si lega probabilmete a una grazia ricevuta dal committente che, grazie al santo vescovo, ha vinto l'epilessia

San Valentino (con il committente del dipinto), di Lucas Cranach, Galleria delle arti figurative di Vienna, particolare, 1502. La figura si lega probabilmete a una grazia ricevuta dal committente che, grazie al santo vescovo, ha vinto l’epilessia



Venerato come santo dalla Chiesa cattolica, da quella ortodossa e successivamente dalla Chiesa anglicana, è considerato patrono degli innamorati e protettore degli epilettici.
La più antica notizia di san Valentino ènel Martyrologium Hieronymianum, un documento ufficiale della Chiesa dei secoli V-VI dove compare il suo nome e anniversario di morte. Ancora nel secolo VIII un altro documento, Passio Sancti Valentini, ci narra alcuni particolari del martirio: la tortura, la decapitazione notturna, la sepoltura a Terni ad opera dei discepoli Proculo, Efebo e Apollonio, il successivo martirio di questi e la loro sepoltura. Il presule ternano si prodigò a favore dell’amore coniugale, rendendo possibile la celebrazione dei matrimoni, anche in circostanze difficili. Forse anche per questo venne chiamato a proteggere gli innamorati, che a lui potevano rivolgersi per ottenere la soluzione dei casi sentimentali più difficili e intricati o per aspirare, con massima rapidità, al matrimonio. La data del 14 febbraio, di fatto coincideva con l’avvicinamento alla chiusura dell’anno romano – erano i giorni più duri, quelli dei Lupercalia, quando i lupi, ormai stremati dalla fame, scendevano verso le case, le cascine e i centri abitati – e, al tempo stesso della proiezione verso il nuovo anno, che iniziava il primo marzo. Il momento di trapasso dell’inverno, dava il via ai corteggiamenti tra ragazze e ragazze.

Leonhard Beck, San Valentino e le'epilettico, 1510 circa

Leonhard Beck, San Valentino e le’epilettico, 1510 circa

La prima menzione del giorno di San Valentino con una connotazione romantica risale al XIV secolo in Inghilterra, dove si credeva che il 14 febbraio fosse il giorno del ritorno degli uccelli, dopo i rigori invernali. Questa convinzione è menzionata negli scritti di Geoffrey Chaucer. Era comune durante questo periodo che gli amanti si scambiassero biglietti, chiamati valentini. Uno di questi biglietti, sempre del XIV secolo, è alla British Library .
Si dice che durante un periodo di divieto del matrimonio dei soldati romani – imposto dall’imperatore – Valentino, segretamente,garantisse la felicità coniugale organizzando le nozze. Nella maggior parte delle versioni di questa leggenda, il 14 febbraio è la data legata al suo martirio.
Fu laletteratura cortese a diffonderne immagine gesta gentili. Otto di Grandson, durante la seconda metà del XIV poeta secolo e capitano Vaud nella corte d’Inghilterra, passarono questa usanza al mondo latino, tra cui la corte sabauda. Il trenta per cento della poesia di Grandson è dedicata a questa tradizione. Tra le composizioni si ricordano Lament Valentine (I e II), Complaincte Sainct Valentin Gransson, il giorno di San Valentino e il Sogno di San Valentino .
Nei primi anni del XV secolo, Carlo d’Orleans fece conoscere la figura di San Valentino alla corte di Francia. Egli stesso scrisse diverse poesie dedicate al santo.



Nell’iconografia nordica antica appare spesso collegato a una piccola figura sdraiata – un epilettico – e il suo volto è spesso deforme o scavato da profonde rughe, a causa della vecchiaia, poichè, secondo le fonti antiche, sarebbe stato ucciso all’età di 97 anni. La gravità del suo viso tendeva peraltro anche a sottolineare la gravitas della sua figura, che non poteva essere assimilata a a quella di una sorta di mezzano di faccende d’amore. Fu a partire dal Gotico francese e dal Cinquecento italiano che la sua immagine si ingentilì, assumendo i tratti di un giovane sacerdote dai tratti petrarchesci.

San Valentino battezza santa Lucilla, opera eseguita nel 1575 da Jacopo Bassano, oggi al Museo civico di Bassano del Grappa.

San Valentino battezza santa Lucilla, opera eseguita nel 1575 da Jacopo Bassano, oggi al Museo civico di Bassano del Grappa.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico