Home / News / Il Santellone di Provaglio d’Iseo –
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il Santellone di Provaglio d’Iseo –

Il Santellone è un’articolata ed elegante struttura situata nel territorio di Provaglio d’Iseo, in Provincia di Brescia. Attorno ad un edicola religiosa mariana, si sviluppò, forse a più riprese, tra la fine del XVII e il XVIII secolo un edificio coperto, attraverso il quale passava la strada, ben visibile nell’immagine fotografica degli anni Cinquanta, che qui riportiamo. Gli affreschi, per quanto molto rovinati, rinviano agli stilemi del tardo Seicento e del primo Settecento, poichè caratterizzati da una tavolozza chiara, sebbene i volti di due santi o profeti – uno dei quali con dignità regale – siano inseriti in dipinte cornici statiche e geometriche stilisticamente non inseribili nella maniera rocaille, per quanto si possa ipotizzare un ritardo stilistico. La struttura è dotata di panche di pietra, mentre l’antica immagine della Madonna è protetta da numerose inferriate. alla sinistra esterna dell’edicola-tempio è collocata la buca delle elemosine. E pertanto si può ritenere che le forti misure protettive fossero originate dalla presenza di denaro e forse da decorazioni preziose o di ex voto. L’insieme della struttura, oggi inserita in una rotonda stradale, è di grande, sobria eleganza. Essa si configurava come un riparo del viandante dalla pioggia e dal sole, durante il quale era possibile svolgere attività di preghiera

DSC02807

DSC02812

DSC02808

DSC02809

DSC02810

DSC02813

DSC02811

DSC02814

DSC02815

DSC02817

DSC02819

DSC02820

DSC02821

DSC02824

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti