Home / News / Perchè Caravaggio ci stupisce e lo sentiamo moderno
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Perchè Caravaggio ci stupisce e lo sentiamo moderno

caravaggio

2014, ITALIA,  FOTOGRAFIA NOTTURNA  DI UNA MANIFESTAZIONE DI PIAZZA

 

caravaggio cattura di cristo

MICHELANGELO MERISI, DETTO IL CARAVAGGIO, CATTURA DI CRISTO, 1602, OLIO SU TELA CM 133X169,5, DUBLINO, NATIONAL GALLERY OF IRELAND

Il gioco che vi proponiamo non è totalmente tale. Due fotogrammi: il primo scattato durante una fotocronaca di piazza, nel corso di una manifestazione politica; il secondo il dipinto di Caravaggio che rappresenta Cristo nell’orto degli olivi. Le immagini sono unite dall’atmosfera corrusca di una notte dominata da una dimensione conflittuale, dalla presenza di un’intensa mappa chiaroscurale e dal senso del movimento.



E’ questo modo di seguire la verità dei fatti che ci sconvolge in Caravaggio. Questa presa dal vero che egli evidentemente compiva nel proprio studio con i modelli, avendo in mente non solo ciò che egli aveva visto nelle strade di Roma o di Milano, ma rifacendosi, a livello di messa in scena,alla statuaria  devozionale dei Sacri monti, cappelle disseminate su un percorso montano che evocavano episodi delle Sacre Scritture, di edificio in edificio, con statue di dimensioni reali, particolarmente rese in una verità che sconvolgeva l’osservatore. Anche il teatro devozional3 e le grandi processioni notturne, ideate e organizzate a Milano da Carlo Bascapè, il generale dei Barnabiti, direttore spirituale di Costanza Colonna, protettrice di Caravaggio, restarono fortemente impresse nella mente del pittore.Ma pure, applicando, nella costruzione dei volti, i disegni, le teste di carattere che aveva elaborato, durante il periodo di formazione, nella bottega di Peterzano, a Milano.

La rivoluzione di Caravaggio – fatta propria da numerosi pittori del Seicento, ma particolarmente celebrata a partire dal Novecento – è la forza di proporre la crudezza della realtà, anticipando la verità oggettiva della fotografia. Eppure, come nei grandi fotografi, ogni immagine è il prodotto di un’inquadratura non casuale,  che nasce, piuttosto, da un confronto con i precedenti pittorici, mutati e rilanciati creativamente. E’ per questo che Caravaggio viene sentito intensamente contemporaneo dalla cultura del Novecento.

 

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista