Home / News / Sofia Cavicchini, la forma tra muro e spazi circostanti crea nuovi Ambienti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sofia Cavicchini, la forma tra muro e spazi circostanti crea nuovi Ambienti

Sofia Cavicchini è stata finalista del Premio Nocivelli 2015.Qui illustra la propria opera

a Sofia_Cavicchini_Lavagne. Installazione

Interessata al superamento dell’idea della pittura intesa come dipinto appeso alla parete e convinta del forte legame tra la pittura e gli altri linguaggi, da alcuni anni la mia ricerca è rivolta alla realizzazione di Ambienti, ovvero di “spazi” tridimensionali concretamente attraversabili dall’osservatore.
L’opera “Lavagne. Installazione”, presentata al Premio Nocivelli, è un progetto pensato per una futura installazione tridimensionale (AMBIENTE).
Gli Ambienti (realizzati con materiali differenti e a volte pensati comprensivi di solidi appoggiati a terra o alle pareti o appesi) si caratterizzano per una connessione diretta con lo spazio e l’architettura e sono una ricerca sul linguaggio artistico, portatore di diversi modi di espressione: il colore, la forma, il volume.
L’installazione finale diviene un luogo attraversabile concretamente dal visitatore. L’intenzione è di creare una comunicazione diretta con l’osservatore.

BIOGRAFIA
a Sofia Cavicchini
Sofia Cavicchini (Mantova, 1985) vive a lavora tra Parigi e Mantova.
Si laurea alla triennale in pittura all’Accademia di Belle Arti a Ravenna nel 2008 e alla specialistica all’Accademia di Belle Arti a Bologna nel 2011.
Nel 2009 collabora alla creazione di un Wall Painting con l’artista americana Sarah Morris, al Museo MAMbo a Bologna.
Nel 2011/2012 consegue un tirocinio post-laurea presso l’atelier degli artisti Lucy + Jorge Orta a Parigi. Dal 2012 collabora con lo Studio Orta a Parigi.
2014 – Vincitrice del 14° Premio nazionale d’Arte città di Novara, Italia (secondo premio in scultura).
Finalista del T.I.N.A PRIZE 2015.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista