Home / News / Splendidi arazzi, abiti e tele dipinte trovati nelle tombe di 1500 anni fa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Splendidi arazzi, abiti e tele dipinte trovati nelle tombe di 1500 anni fa

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

tessuti copertina

A partire dalla fine del XIX secolo, con la nascita della disciplina dell’ archeologia e l’inizio di scavi  sistematici, furono portati alla luce, dai cimiteri egiziani del periodo tardo antico, splendidi tessuti. In parte essi furono appannaggio delle istituzioni, in parte finirono nelle mani di privati e giunsero, in questo modo, sul mercato antiquario. Queste straordinarie opere d’arte – alcuni sono arazzi, altre sono tele dipinte 1500 anni fa – sono state raccolte in una mostra organizzata dall’Istituto per lo Studio del Mondo Antico dell’Università di New York. Opere che, com’è dimostrato da alcuni saggi in catalogo, hanno influenzato l’arte moderna, il fashion design e l’industria tessile.

14. FRAMMENTI DI UN HANGING RAPPRESENTARE UN SATIRO E MENADE Arazzo intreccio di lane colorate e biancheria non tinta, H. 139 cm; W. 86,4 cm. Egitto, 4 ° secolo dC. Cleveland Museum of Art, acquisto da parte del Fondo Wade JH, 1975,6

FRAMMENTI DI UN ARAZZO CHE RAPPRESENTA UN SATIRO E MENADE
Arazzo, 139 x86,4 cm. Egitto, IV secolo dC. Cleveland Museum of Art, acquisto da parte del Fondo Wade JH, 1975

 

 

I TESSUTI NEL PERIODO TARDOANTICO

Il termine “tardoantico” è usato per indicare il periodo compreso tra la fine del terzo e il settimo secolo dC. Alla fine del IV secolo. il cristianesimo, sotto l’egida dell’imperatore Costantino, cominciò a marginalizzare i culti politeisti tradizionali. Nell’impero romano d’Oriente, Costantino rifondò la capitale, alla quale diede il proprio nome, Costantinopoli. Costantinopoli, rispetto a Roma, era vicina alle zone più ricche dell’impero – Egitto e Siria -. Durante questo periodo, l’impero raggiunse la sua massima estensione.

Arazzo tessitura di lana tinto, lino non tinti, pianura (tigrato) tessitura terreno della biancheria non tinta, L. 269,5 centimetri; W. 181,5 cm. Panopoli (Akhmim), l'Egitto, ca. All'inizio CE 6 ° secolo. Il Metropolitan Museum of Art, regalo di Edward S. Harkness 1926 (26.9.8

ABITO CON DECORAZIONI  L. 269,5 centimetri; W. 181,5 cm. Panopoli (Akhmim), l’Egitto, ca. All’inizio CE 6 ° secolo. Metropolitan Museum of Art, dono di Edward S. Harkness 1926

Gli americani hanno messo in evidenza usi, significati e valori magico religiosi di questi tessuti, all’interno dei quali s’evidenzia la preminenza di Dioniso. Indumenti e temi decorativi, attingendo al repertorio della mitologia pagana, presentano anche le personificazioni di cose buone, la natura generosa o figure destinate ad attrarre il bene o allontanare il male. Altri motivi che decorano gli abiti sono stati scelti per rappresentare il carattere, spesso enfatizzando virtù attraverso la rappresentazione di figure esemplari, come eroi, divinità e semi-dei.

Arazzo intreccio di lane colorate e biancheria non tinta, a: H. 103 centimetri; W. 148.2 cm. B: H. 5,5 centimetri; W. 15,5 cm. Egitto, ca. 6o al 8o secolo dC. Brooklyn Museum, Charles Edwin Fondo Wilbour, 46.128a-b.

Arazzo, intreccio di lane, H. 103 centimetri; W. 148.2 cm. B: H. 5,5 centimetri; W. 15,5 cm. Egitto, ca. 6 all’ 8 secolo dC. Brooklyn Museum, Charles Edwin Fondo Wilbour, 46.128a-b.

La maggior parte dei tessuti antichi del periodo tardo antico sono sopravvissuti grazie a climi particolarmente secchi, che ha inibito la formazione di muffe o di micorganismi demolitori.  Gli abiti, ad esempio, si sono conservati perfettamente, anche se erano indossati dai defunti. Il vestiario aveva già allora – ma evidentemente da sempre – anche la funzione di status symbol. I proprietari sono rappresentati attraverso le immagini simboliche delle virtù virili e femminili nei soggetti mitologici e cristiani. Questi tessuti mostrano distintamente, nella vita quotidiana,  la trasformazione religiosa dell’Impero Romano in un impero cristiano.

 


47. SINDONE DI UNA DONNA CHE INDOSSA UNA TUNICA CON FRANGE Paint (probabilmente tempera), normale (tigrato) tessitura terreno della biancheria non tinta, L. 230,5 centimetri; W. 111 cm. Antinoopolis (El-Sheikh Abada), l'Egitto, ca. 2 ° -3 ° secolo dC. Il Metropolitan Museum of Art, Fondo Rogers 1909

TELO FUNEBRE, RITRATTO DI UNA DEFUNTA CHE INDOSSA UNA TUNICA CON FRANGE
Pittura (probabilmente tempera) su tela. L. 230,5 centimetri; W. 111 cm. Antinoopolis (El-Sheikh Abada), l’Egitto, ca. 2 ° -3 ° secolo dC. Il Metropolitan Museum of Art, Fondo Rogers 1909

 

Fino al 22 maggio 2016

 

Istituto per lo Studio del Mondo Antico
15 East 84th Street (tra la Madison e la Quinta Avenue)
New York, NY 1002
Progettare identità: il potere dei prodotti tessili nella tarda antichità

a cura di Thelma K. Thomas

x

Ti potrebbe interessare

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo

a dylan

Avete mai visto i quadri dipinti da Bob Dylan? In 3 minuti guardate qui la sua antologia pittorica