Home / News / Spunta in asta a Londra, quadro di Pampurino “disperso” della collezione Fenaroli di Brescia (1874)
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Spunta in asta a Londra, quadro di Pampurino “disperso” della collezione Fenaroli di Brescia (1874)


Inserito nell’elenco della mitica – e sfortunata – alienazione della vastissima collezione Fenaroli di Brescia (1874), che disperse beni di valori culturali elevatissimi e che fu oggetto pure di salvataggi gloriosi, come quello relativo ai Ceruti, i cui quadri furono acquisiti, in buona parte, dai conti Salvadego, fino a formare il celeberrimo Ciclo di Padernello – emerge a Londra, all’incanto da Sotheby’s, nell’ambito della sessione dedicata ai dipinti antichi il Cristo portacroce, un tempo attribuito a Boccacino, poi passato, dalla critica, al e Alessandro Pampurino. L’opere viene esitata a partire da una base d’asta compresa tra le 5000 e le 7000 sterline britanniche

Old Master Paintings
27 OCT 2015 | LONDON | 2:00 PM GMT

pampurino

Alessandro Pampurino
CREMONA CIRCA 1460 – CIRCA 1523
Cristo portacroce
olio su tavola, senza cornice
28.8 da 22 cm .; 11 1/8 da 8 5/8 in.

PROVENIENZA
Fenaroli Collezione, Brescia, 1874;
Dr. E. Gabbrielli Scalini, Milano, 1976 (come Boccaccio Boccaccino);
Anonimo vendita, Londra, Christie, 22 luglio 1988, lotto 80 (come Boccaccio Boccaccino).

VUOI CONOSCERE LA STORIA DI QUELL’ASTA CHE PORTO’ LONTANO DA BRESCIA TANTI CAPOLAVORI? CLICCA IL LINK PER SAPERE COME ANDO’ E COME SI FORMO’, DA QUESTA SCONFITTA, IL CICLO DI PADERNELLO. CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI ADRIANA CONCONI FEDRIGOLLI, CHE HA STUDIATO, CERCATO E APPROFONDITO A LUNGO LA COMPLESSA MATERIA.GRATIS. QUI SOTTO

www.stilearte.it/pitocchetto-la-storia-della-committenza-e-dei-passaggi-del-ciclo-salvadego-di-padernello/

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista