Home / Arte Eros / Stanko Abadzic, ritorno a Itaca. Dopo le cronache di guerra il nudo artistico
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Stanko Abadzic, ritorno a Itaca. Dopo le cronache di guerra il nudo artistico


a stanko

 

Stanko Abadzic (1952) ha iniziato la sua carriera professionale nel campo della fotografia come fotoreporter per il quotidiano croato Vjesnik . Durante questo periodo ha fatto reportage noti dalla Tunisia, da Malta, dalla Turchia. Dopo l’inizio della guerra croata, nel 1991, Abadzic si trasferisce all’estero. Trascorre quattro anni in Germania e sette anni nella Repubblica Ceca, a Praga, città che ha avuto il maggiore impatto sulla sua espressione artistica portandolo all’abbandono del fotogiornalismo a favore della fotografia artistica A questo punto della sua carriera si è trasferito lontano da fotogiornalismo verso l’arte della fotografia.

stan 1

 

stan2

 

 

Nel 2002 è tornato in Croazia con una grande mostra al Museo Mimara, dove espone In Absentia, la raccolta delle sue opere realizzate a Praga. Come fotografo d’arte, Abadzic usa quasi esclusivamente il bianco e nero. La sua ricerca nell’ambito del nudo, si basa molto, al di là di un sapiente uso della luce naturale, sull’individuazione di punto di vista fantasiosi e non usurati dalla consuetudine di un’osservazione rapida della scena



ACCEDI GRATUITAMENTE, CLICCANDO SUL LINK AZZURRO, ALLA NOSTRA RICCHISSIMA RACCOLTA DI STUDI E SAGGI DEDICATA AD ARTE ED EROS

foto 10

 

 

 

 

 

 

www.stilearte.it/category/arte-eros/

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista