Home / News / Sua Maestà FuturBalla, ricostruttore universale
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Balla, Aerorumor, 1923
Balla, Aerorumor, 1923

Sua Maestà FuturBalla, ricostruttore universale

Nel 1913, Giacomo Balla pubblica un volantino in cui annuncia la vendita all’asta di tutti i suoi lavori precedenti, dichiarando al contempo che “Balla è Morto”. Decide persino di cambiare nome: d’ora in poi egli sarà FuturBalla.

Instancabile, con la sua mente vulcanica sempre pronta a sfornare nuove idee e intuizioni, in pochi mesi è ai vertici del movimento, di cui è ritenuto l’indiscusso caposcuola. Nel 1915, con l’allievo Depero progetta il Manifesto della Ricostruzione futurista dell’universo. Compito dell’arte – vi si afferma – non è di cantare il mondo, ma di trasformarlo.

Tra le opere più geniali e rivoluzionarie del maestro, gli studi sulla velocità, l’analisi della percezione cromatica (alla base delle Compenetrazioni iridescenti), le innumerevoli e variegate applicazioni delle teorie futuriste alla moda, al teatro, all’arredamento e al design.

Paesaggio FuturBalla, 1922-25

Paesaggio FuturBalla, 1922-25

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico