Home / News / Teste vere o di fantasia. Ma tutte inturbantate
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Carpaccio, San Giorgio battezza il re e la regina (particolare)
Carpaccio, San Giorgio battezza il re e la regina (particolare)

Teste vere o di fantasia. Ma tutte inturbantate



Nel tempo, il turbante viene utilizzato in pittura anche al di fuori del contesto originale, saldandosi alla tradizione delle “teste di invenzione”. Nate nel Cinquecento come dettagli di composizioni più ampie e studi sulla bellezza ideale, nel Seicento esse diventano oggetto richiestissimo dai collezionisti. E i turbanti popolari – semplici drappi di tela avvolti intorno al capo – di cui erano talvolta adornate acquisiscono sempre più spesso una connotazione orientaleggiante, del tutto avulsa da ogni riferimento storico e geografico.

Maestri nel genere delle “teste all’orientale”, o “teste di fantasia alla turchesca”, furono in Italia Guido Reni, Guercino e Domenichino. Nel Settecento, ad eccellere in questo filone, tra gli altri, Piazzetta e i Tiepolo, padre e figlio.

Domenichino, La Sibilla cumana

Domenichino, La Sibilla cumana

x

Ti potrebbe interessare

a raffaello

Qui il trailer del film 3d sull’opera e la vita di Raffaello

a cavaliere

Perché è così importante Il Cavaliere azzurro di Kandinsky? Cosa rappresenta?