Home / News / Tiepolo, la zarina vuole il pappagallo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

tiepolo5ape

Tiepolo, la zarina vuole il pappagallo


di Enrico Giustacchini

Il 15 dicembre 1760, Francesco Maria Tassi scrive al bergamasco conte Carrara una lettera da Venezia. Se il conte è desideroso di sapere che cosa combini Giambattista Tiepolo, il principe dei pittori, eccolo accontentato. Tiepolo, rivela l’informatissimo Francesco Maria, “ora sta facendo alcune mezze figure di donne a capriccio per l’imperatrice di Moscovia, che non si possono vedere cose più belle, più vive e più finite”.

Gli studiosi concordano nel ritenere che una di tali “mezze figure” sia il quadro qui proposto, che Filippo Pedrocco considera tra i capolavori dell’artista nell’ambito del ritratto di fantasia. Tiepolo rende omaggio ai maestri del Cinquecento, a partire dal Veronese, in quella spalla liberatasi in fretta dalla cappa greve dei broccati, nel giocoso appalesarsi di quel seno pulsante, in quello sguardo assorto e furbetto insieme, in quel viso che – nella sua cornice di perle e di rose – non sapremmo dire se di brava ragazza o di cortigiana.
Giambattista campisce la tela del verde più sontuoso di cui è capace, pervade le gote della giovane del più tiepolesco tra i vermigli, inonda di luce bianchissima la poppa offerta senza pudori agli occhi del mondo. Del mondo e del pappagallo: il quale – blandito dalle carezze della padroncina, le penne arruffate – punta il becco robusto, inesorabilmente, verso il bocciuolo del capezzolo.

Ma chi è davvero questa bestia bizzarra? Un frutto vanicolore dei paradisi tropicali o il simbolo per eccellenza della lussuria, il latore di lascive tentazioni per conto di Belzebù?
A Elisabetta Petrovna, zarina di tutte le Russie e committente del dipinto, l’ardua risposta, se e quando crederà di doverla dare. Che intanto Vostra Maestà si goda il suo pappagallo d’artista – e che artista! -, pur nell’inverno senza fine di San Pietroburgo.

tiepolo5

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista