Home / Archivio / Timo Bortolotti – L’affettuoso lessico familiare nella scultura
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Timo Bortolotti – L’affettuoso lessico familiare nella scultura

Timo Bortolotti, Giuseppina, 1938, scultura policroma

Timo Bortolotti, Giuseppina, 1930, terracotta policroma

 

di Giorgio Mascherpa

Timo Bortolotti nacque a Darfo (Brescia) il 15 giugno 1884. Suo padre, Angelo, esperto conoscitore del marmo e della pietra camuna gestiva cave di “simona”, porfido e altri marmi in valle e fu certo questa visione frequente del taglio e della lavorazione della pietra a trasmettere al bambino un precocissimo amore, fisicamente e coloristicamente concreto, per la forma, per il volume e per lo spazio.

Timo aveva 8 anni quando muore papà Angelo e c’era bisogno di chi ne prendesse il posto. Eccolo così avviato agli studi quantunque, di tanto in tanto, gli rispuntasse l’ardire di tentar di darsi a quell’arte che nel segreto del suo cuore, era al centro dei suoi sogni futuri. Tentò anche una breve fuga a Milano,per studiare con Cesare Tallone a Brera, ma fu ben presto di nuovo costretto a prepararsi sulle tecniche per estrarre al meglio i “marmi” della sua valle.

L’arte e la cultura crebbero così in lui come una segreta passione che un taccuino d’appunti ch’egli tracciò febbrilmente alla Biennale Veneziana del 1909, puntualmente ci documenta, inframezzando osservazioni critiche e cronistiche con deliziosi disegni.
Un evento di tragica e fulminea evidenza lo colpì nel 1910 quando la giovanissima moglie Irma Laini morì dopo aver dato alla luce la prima figliola Alba. Timo Bortolotti ne riportò un’ancora più spiccata inclinazione al silenzio, alla solitudine, all’introspezione mentre accudiva con sempre minor passione ai “lavori redditizi” e si sentiva sempre più vicino all’arte, alla necessità di rappresentare e di imporre allo spazio le cose, i volti, soprattutto quegli incantevoli bambini che saranno la tematica più dolce e più insistita della sua arte.

Timo Bortolotti, La preda,1942

Timo Bortolotti, La preda,1942

Se la morte della giovane moglie seguita alla improvvisa scomparsa del padre furono i grandi dolori della sua giovinezza, il campo in cui si temprò volontariamente, alla tecnica ed alla resistenza a tutto e a tutti, fu la guerra dove si comportò eroicamente, crivellato di colpi sull’Ortigara per difendere i suoi alpini. Gravemente ferito gli riuscì di trascinarsi dalla parte austriaca fin nelle nostre linee. I lunghi mesi di degenza negli ospedali segnarono profondamente la sua fibra impegnandolo in una lotta di volontà per reagire alla più temuta delle conseguenze delle ferite, la paralisi a una gamba. Contro tutte le aspettative dei medici, Timo guarì completamente al punto da poter riprendere, in seguito,qualsiasi ascensione alpina. Al suo ritorno, quella che era stata la sua passione segreta prese sempre più corpo e parte attiva nella sua vita.

Il secondo matrimonio con Giuseppina Sala, la nascita delle altre tre figlie – Gloria, Donatella e Milly – s’alternarono agli inizi pubblici della sua attività plastica, all’allestimento del suo primo studio di scultore a Brescia, in Palazzo Monti dove lavorò dal 1921 al ’24 a numerose opere, la più importante delle quali fu il monumento ossario del Tonale. L’attività espositiva delle grandi commissioni va da questa data, continuamente estendendosi: nel 1926 cominciano le sue presenze alle “intersindacali” e “sindacali” di Milano, Firenze, Napoli alle rassegne della “Permanente”. Frattanto aveva aperto uno studio a Milano, in Via Vivaio, accanto a Wildt, a Funi, a Marussig con i quali ultimi fondò una libera scuola d’arte.

Il 1930 è un anno fondamentale per Timo Bortolotti scultore: vince due premi alla Internazionale d’Arte Sacra di Padova, espone per la prima volta alla Biennale veneziana (con il bronzeo “ritratto del pittore Arturo Tosi”). Alla massima rassegna internazionale italiana prenderà parte attiva altre quattro volte, nel 1934 (col ritratto in terracotta di Aglae Sironi); nel 1936 (con due opere, “Riflessi” bronzo e “Pietà” marmo); nel 1940 (“Paulucci de Calboli” cera) ed infine nel 1942 quando presenterà un gesso dall’allusivo titolo “Vittoria tra i vinti”.

Contemporaneamente le tappe più significative dell’anteguerra sono la sua partecipazione alle Quadriennali romane, ai concorsi ed alle esposizioni più importanti italiane e straniere le cui date salienti sono il 1935 quando conseguì il Premio Savoia Brabante (che avrebbe di nuovo vinto nel 1940), nel 1936 quando ebbe un riconoscimento d’onore a Budapest e nel 1937 quando conseguì il Grand Prix all’Expo di Parigi (unitamente ad Arturo Martini e Marino Marini), riconoscimento quest’ultimo, che gli valse un coro di ammirate adesioni, di crescenti inviti a “personali” e di commissioni per ritratti e monumenti di varia destinazione. Di questi ultimi, il più significativo dopo quello del Tonale (che venne restaurato e completato dopo il ’35) è quello a “Cristo Re” che gli venne commissionato nel 1920 e messo in loco l’anno successivo.

Timo Bortolotti, Giuditta e Oloferne, 1935

Timo Bortolotti, Giuditta e Oloferne, 1935

Bortolotti ideò qui un complesso monumento formato da una chiesetta piccola ma possente e monolitica, nella sua pietra viva con un largo cornicione di porfido aggettante: sopra si sarebbe alzata – per quasi nove metri – la statua del Cristo Re, le braccia aperte verso la valle.
A sottolineare questo felice momento creativo, ecco la serie davvero imponente delle citazioni e delle recensioni della critica, con pagine bellissime di Carrà, Carpi e Antonio Baldini (1935), di Michele Biancale, Attilio Crespi, Franco Ciliberti, Enrico Somarè, Carlo Tridenti, i primi in occasione dell’assegnazione del suddetto Savoia Brabante e della “personale” del dicembre ’35 alla Galleria Dedalo, il secondo con l’occasione di una mostra romana dell’artista in cui spiccavano opere come “Fratelli Facchi” e “Riccioli neri”.

Tra le sue sculture più significative di quegli anni, bisognerà ricordare “Nike”, il “Dioscuro”, “Figlia di Maria”(1937), “Ragazza lombarda” (1939), Treccine bionde”. “Il pescatorello”, “L’annunciazione”, “Sentinella alpina” (esposta alla mostra degli artisti invalidi e mutilati di guerra presso la Galleria milanese Gian Ferrari, 1938) e una serie di rilievi e bassorilievi per monumenti funebri tra i più prestigiosi della sua arte. Quel decennio vide, del resto nascere la sua amicizia con artisti come Arturo Martini e Mario Sironi, come Carpi, Carrà e De Grada, per non parlare che dei più prestigiosi.

Timo Bertolotti, Lavandaia, 1934

Timo Bertolotti, Lavandaia, 1934

Alternando i soggiorni a Milano con quelli della casa di Capodilago (un incantevole paesino proprio sulla verticale del paese natale, Darfo) nel cuore della vecchia Milano (corso Garibaldi) e in quello tanto caro della Val Camonica, Timo Bortolotti continuò ad operare, anche nella travagliata, ardua situazione della seconda guerra mondiale, contrassegnata dalle rischiose pagine di guerra partigiana in valle.

Poi il dopoguerra e una crescente voluta solitudine artistica, segnata da sempre più rare comparse espositive e da una continua ma appartata opera di studio, lassù tra i suoi monti, intento a modellare i volti delle nipotine o gli eterni drammi del lavoro e della civiltà umana.

Si spense all’ospedale milanese di Niguarda il 15 ottobre 1954 e fu sepolto nella tomba di famiglia, lassù nel cimitero di Angolo, dove gli vennero tributate commosse onoranze e dove una strada ricorda tuttora il suo nome di patriota e d’artista. Dopo la sua morte, sue sculture sono comparse in mostre ed esposizioni collettive.

LA SCHEDA ARTISTICA DI TIMO BERTOLOTTI

La prima formazione dello scultore avvenne a contatto col padre Angelo, conoscitore del marmo e della pietra camuna, ma il vero iter che ne costituì la personalità artistica non si può che ricondurre all’esperienza milanese a fianco di Wildt, Marussig e Funi.

Aperto il suo studio in via Vivaio accanto a quello di questi suoi più celebri e colleghi, Bortolotti intraprese, dopo gli anni nella nativa Darfo ed alla scuola Moretto di Brescia, dopo la guerra e l’esperienza traumatica del ferimento, la sua carriera di scultore partecipando a moltissime esposizioni e concorsi. E’ dal 1926 che si trova presente alle esposizioni Sindacali ed Internazionali di Milano, Firenze e Napoli; a premi Internazionali d’Arte Sacra di Padova (dove vince il primo premio nel 1930), alle Biennali veneziane, alle Quadriennali romane. Tappe fondamentali della sua vita sono soprattutto i consenso che ottenne nel 1935 quando gli fu conferito il Premio Savoia-Brabante e, soprattutto nel 1937 quando ottenne il Gran Prix all’Expo di Parigi insieme ad Arturo Martini ed a Marino Marini. Questi premi giungevano a conferma dell’apprezzamento di cui l’artista già godeva e che gli aveva fruttato diverse commissioni private e pubbliche.

Tra le committenze pubbliche ricordiamo il Monumento – Sacrario del Tonale (1933) per il quale plasmò una copia della Vittoria alata conservata presso il Museo Patrio ( e in seguito tutti gli arredi per la cappella interna ), e di committenza ecclesiastica, come il Monumento al Redentore a Bienno (1929), una colossale statua di nove metri di altezza in rame sbalzato e dorato con la testa e le mani fuse in bronzo.

Fino dagli inizi degli anni Quaranta l’attività di Bortolotti è intensa, specialmente per la sua presenza a prestigiose rassegne espositive, ma anche per i molti lavori richiestigli in un clima di celebrazione monumentale della recente storia d’Italia: il busto di Fabio Filzi per il Castello del Buon Consiglio di Trento, il Cesare Battisti di Milano, il Paolo Ferrario per Vanzago, fino al San Giovanni Bosco per il Duomo di Milano (1936). Contemporaneamente si vanno moltiplicando i giudizi critici sulla sua opera: escono a firma di Carlo Carrà, Aldo Carpi, Antonio Baldini, Michele Biancale, Franco Ciliberti, Enrico Somarè interventi critici atti a sottolineare la sua predilezione per la scultura piena, ricca di riferimenti al reale nella sua declinazione tutta novecentista, cioè consapevolmente inquadrata in una comprensione del reale in chiave solenne, celebrativa e neoclassica.

L’attività dell’artista non trova riposo nemmeno negli anni successivi: sempre importanti sono gli appuntamenti alla XLV Mostra della Galleria di Roma dove è presente con trentaquattro sculture, alle Biennali di Venezia del 1942, alle Olimpiadi di Londra del 1948 dove è invitato a presentare un’opera che rappresenti ‘Italia.

L’ultima commissione pubblica, nel 1952, lo vede tornare al Monumento-Sacrario del Tonale per il quale esegue il gruppo bronzeo dei quattro Fratelli Calvi.
C.G.F.

 

 

Il soffio umano di Timo Bortolotti

mostra 20 settembre / 5 novembre 2014
Palazzo Simoni Fe
Bienno (Brescia)

Orari
sabato – domenica, 9.30-12.00 e 15- 18
In tutti gli altri giorni la mostra
è visitabile contattando Ufficio Turistico Bienno
tel 345-0484986
info.biennoturismo@gmail.com
Info
www.timobortolotti.it
Ufficio Turistico Bienno
tel 345-0484986
info.biennoturismo@gmail.com
Area Camuna Cassa Padana
Sandra Bassi tel 0364-360616

 

PER ACCEDERE AL CATALOGO ON LINE DELLA MOSTRA, CLICCA SUL LINK QUI SOTTO

http://www.timobortolotti.it/

 

 

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico