Home / News / Trovata un’inedita opera di David: è un ritratto di Napoleone
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Trovata un’inedita opera di David: è un ritratto di Napoleone

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Il ritratto di Napoleone, realizzato da David nel 1813

Il ritratto di Napoleone, realizzato da David nel 1813

Un ritratto di Napoleone Bonaparte, opera del grande Jacques-Louis David è stato individuato e attribuito al maestro francese da un ricercatore dell’Università inglese. L’opera era stata acquisita da un collezionista newyorchese presso una fondazione inglese al prezzo di circa 15mila sterline. La cessione a un costo molto limitato rispetto alle quotazioni di David – l’ultimo ritratto firmato dal pittore napoleonico,  passato sul mercato,  è stato acquisito, nel 2006, per più di due milioni di sterline – discendeva dal fatto che si riteneva che il quadro fosse una copia, pur in presenza della firma dell’autore. Ma l’acquirente, per la qualità eccelsa dell’opera, ha immediatamente pensato di essere al cospetto di un’opera originale. Si è così rivolto a uno studioso di arte francese, Simon Lee,  un anziano docente di storia dell’arte all’università di Reading.  Lee ha stabilito che, quella del collezionista americano, era l’opera, che si riteneva perduta, realizzata nel 1813 quando gli inglesi e i prussiani minacciavano di invadere la Francia.

 Ricerche successive hanno permesso di stabilire che il ritratto era stato registrato nella collezione della della famiglia Borthwick -Norton, nel sud della Scozia, e poi era stato donato alla Royal Scottish Academy da una discendente degli antichi proprietari. Perché il ritratto dell’imperatore in alta uniforme sarebbe finito dalla Francia alla Scozia nell’Ottocento? Risponde Simon Lee  ” Come sia finito in Scozia non è noto. Ma si sa che tra la  Francia e la Scozia esisteva un’ antica alleanza contro il nemico comune: Inghilterra. Così la presenza del ritratto in Scozia potrebbe essere originata dall’ammirazione dei proprietari – anti- inglesi – nei confronti dell”Imperatore “.” Posando in uniforme della Guardia Nazionale .- prosegue Lee – Napoleone stava promuovendo se stesso come protettore e difensore della nazione nel momento in cui la Francia era in grande pericolo . ” La ricerca del Dott. Lee ha portato ad una stampa contemporanea che consentiva di identificare il ritratto, in cui l’imperatore indossava proprio quell’uniforme. Lo storico dell’arte ha messo in evidenza diverse continuità stilistiche e tecniche rispetto  a un altro ritratto dipinto da David, quello della contessa Daru, realizzato nel  1810. Lo studioso ha quindi aggiunto che  il ritratto, dopo la pulitura svolta da un restauratore, con la rimozione della vecchia vernice finale,  rivela indizi affascinanti quali la collaborazione, su quella tela, tra David e il suo assistente , Georges Rouget .


” Sebbene avessimo immediatamente visto che la firma di David, evidente, era “buona”, abbiamo anche trovato, dopo la pulitura,  la parola Rouget e la data del 1813. ” ha detto Lee. “‘Era una prassi, nello studio di David che l’allievo Rouget trasferisse  l’immagine sulla tela , impostando l’opera nelle linee principali della composizione e quindi passasse ad una lavorazione con i colori, che veniva finita magistralmente dal maestro, con ombre modellanti e interventi che rendevano il ritratto totalmente somigliante al modello. La presenza dei due nomi sulla tela è pertanto la prova che si tratta di un prodotto autentico, frutto delle consuete procedure operative di David. “

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista