Home / News / Un autoritratto di San Francesco? Il disegno del santo fu autenticato da frate Leone
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

manoscritto san francesco

Un autoritratto di San Francesco? Il disegno del santo fu autenticato da frate Leone


Manoscritto San Francesco

La pergamena con cui San Francesco invoca la benedizione su Frate Leone. Il documento è conservato nella basilica Inferiore di San Francesco d’Assisi. Le parti in inchiostro scuro appartengono all’originale del santo. Quelle in rosso costituiscono l’autentica di frate Leone

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Piccolo capolavoro di grafica e di spiritualità, la pergamena vergata e disegnata da san Francesco nel 1224, alla Verna, nei giorni in cui si manifestò il fenomeno delle stimmate, costituisce un minuscola, scabra opera grafica, una preziosa testimonianza disegnativa del santo, in cui appare una Tau che diparte dal volto di un uomo dalle guance, irsute, forse un frate. Fu, pur schematicamente, un autoritratto? La Chartula fr. Leoni è  conservata nella basilica inferiore di Assisi. E’ un foglio ricavato da un lacerto di pelle di capra  Francesco, attraverso poche parole scritte e il disegno, che risulta il cardine di tutta la composizione, impartì la benedizione a frate Leone, il suo devoto segretario, che, in quei giorni, condivideva il romitaggio montano.

Analizzando lo scritto di autentica, che fu posto sulla pergamena da frate Leone stesso, il foglio si rivela come frutto di un atto di generosità  di Francesco che, dopo la celeste visione del cherubino, ricevute le stimmate, estese al proprio confratello la luce di salvezza di cui era permeato. La pergamena, scritta con un inchiostro scuro che si differenzia dal rosso della successiva chiosa di Frate Leone, presenta nelle prime righe, uno scritto, che traduciamo dal latino:

Il Signore ti benedica
e ti custodisca.
Mostri a te la Sua faccia
e abbia di te Misericordia.
Volga a te il Suo sguardo
e ti dia Pace.

 

Poco più sotto, con una grafia pesante, ma resa come un calligramma, senza rispettare il posizionamento in riga, troviamo il nucleo dell’autografo, costituito dalla frase

Il Signore ti Benedica, frate Leone.

Il documento si completa con una Tau, simbolo assunto da Francesco come proprio sigillo e firma, che non viene inserita come lettera dell’alfabeto, ma come una grande croce disegnata, che si innalza apparentemente da un terreno roccioso che erroneamente, a prima vista, rinvierebbe alla rappresentazione della sommità del Golgota ma che, a una visione più ravvicinata, rappresenta un uomo che grida la Tau.

Il paleografo Attilio Bartoli Langeli sottolinea perfettamente la scansione grafica conferita da san Francesco alle parole che contengono la dedica a Leone. Non siamo infatti di fronte, nelle ultime quattro parole, a destra del documento, a una forma di semplice scrittura, ma ad un santo calligramma, che interloquisce direttamente con il disegno della tau e quello del volto dell’uomo.

“Le quattro parole a destra – argomenta Bartoli Langeli – costituiscono una scrittura circolare e pluridizionale, che ricorda il cosiddetto quadrato magico. Sta di fatto che queste iscrizioni rendono impraticabile la lettura discorsiva, da sinistra a destra e dall’alto in basso: cosí gli antichi trascrittori come il moderno editore, dando la sequenza Dominus benedicat, frater Leo, te o simili, riducono a testo ciò che testo non è”. “Sotto (la scrittura) – prosegue Bartoli Langeli – è tracciato il segno Tau, radicato su un disegno dal profilo spezzettato. Dentro il contorno è disegnata una testa d’uomo, in posizione orizzontale: mento prominente e puntuto, capelli ben pettinati ma barba lunga e rada. Tutti questi elementi simbolici, a cominciare naturalmente dal Tau, hanno fatto molto discutere; non ho da portare alcuna considerazione nuova. (…) Il Tau è tracciato in maniera cosí perfettamente geometrica e centrata da far ritenere – poiché sarebbe troppo immaginare righelli e squadre, in quel settembre sulla Verna – che abbia fatto da guida la piegatura in quattro del foglietto; se cosí fosse, la piegatura sarebbe stata effettuata tra la scrittura delle Laudes e la scrittura della Benedizione. Parrebbe che Francesco abbia per prima cosa disegnato il Tau, in tal modo predeterminando gli spazi d’inqua-dramento delle scritte: la distanza tra il bordo superiore e l’inizio della formula di benedizione fa intendere che lo scrivente abbia calcolato a occhio la centratura della scritta nella metà superiore.” Resta comunque da capire chi sia quella figura umana dalla cui bocca, come un grido, esce la gigantesca Tau. La stretta connessione tra le ultime parole del documento – “Il signore ti benedica, frate Leone” – , tra il volto e la tau potrebbero autorizzare l’ipotesi che Francesco abbia disegnato se stesso nell’atto di invocazione della benedizione divina. Il volto con reso ispido dai peli di una barba rada e incolta, non inducono a ritenere che la figura sia quella di Dio o di un angelo, ma di un uomo, forse un frate. Ciò che Bartoli Langeli legge come capelli ben pettinati si rivelerebbe, in realtà, come il cappuccio di un saio.

 

 

Francesco, del resto, utilizzava  la lettera Tau come propria firma benedicente o, con essa benediceva – o invitava benedire – conventi del propro ordine. L’origine di questa consuetudine si lega alle pagine bibliche del libro di Ezechiele, che è invitato da Dio a segnare con la Tau la fronte degli uomini probi, che saranno salvati da ogni punizione eterna.La Tau diviene pertanto il simbolo della salvezza concessa da Dio, sigillo che si estende all’Apocalissi di Gioovanni. Soltanto gli uomini segnati con quel sigillo si salveranno.

L’iconografia della Chartula fr. Leoni, lascerebbe pertanto pensare a una sorta di Francesco Ezechiele che invoca, dopo aver ricevuto le stimmate, la salvezza anche per l’amico Leone.  Del resto, san Francesco sarà definito dai suoi confratelli, che si riferivano all’apocalissi giovannea, come  “angelo del sesto sigillo”, colui che sale da oriente per portare la salvezza agli uomini probi. Scrive, nellaLeggenda maggiore, San Bonaventura da Bagnoregio. (1260-1263)                 E perciò si afferma , a buon diritto, che egli viene simboleggiato nella figura dell’angelo che sale dall’Oriente e porta in sé il sigillo del Dio vivo, come ci descrive l’altro amico dello sposo, l’apostolo ed evangelista Giovanni nel suo vaticinio veritiero. Dice infatti Giovanni nell’apocalisse, al momento dell’apertura del sesto sigillo: Vidi poi un altro angelo salire dall’Oriente , il quale recava il sigillo del Dio vivente”

Con evidenza la bendizione-diploma, attraverso le parole, ma soprattutto attraverso l’immagine – emanante del disegno aveva la funzione di costituire un elemento di perenne santa irradiazione del Bene e della Salvezza.. Essa veniva trasformata , attraverso un’immagine, in un quadro sacro.

Frate Leone autenticò il documento con scritte in inchiostro rosso, sottolineandone l’autografia.  Si trattò non solo dell’autentica di una vera reliquia, ma, per qualche verso, di una delle più antiche expertise di un disegno.

“È inutile dire con quanta cura Frate Leone custodìva questo ricordo. – scriveva il premi o Nobel, Paul Sabatier – Sotto le parole tracciate dalla mano stessa di Francesco, egli scrisse: Beatus Franciscus scripsit manu suâ istam benedictionem mihi fratri Leoni, (il beato Francesco scrisse di suo pugno questa benedizione, indirizzata a me, frate Leone) et sotto il thau: Simili modo fecit istud signum thau cum capite manu sua. (allo stesso modo fece, di sua mano, questa tau con testa). Infine per autenticare il tutto, scrisse nel margine superiore Beatus Franciscus duobus annis ante mortem suam fecit quadragesimam in loco Alvernæ ad honorem beatæ Virginis Marise, matris Dei et Beati Michælis archangeli a festo as-sumptionis sanctæ Mariæ Virginis usque ad festum sancti Michælis septembris et facta est super eum manus Domini, per visionem et allocutionem seraphym et impressionem stigmatum Christi in corpore suo. Fecit has laudes ex alio latere cartulæ, scriptas et manu suâ scripsit gratias agens Deo de beneficio sibi collato. (Speculum Perfectionis, seu S. Francisci Assisiensis, Legenda antiquissima, auctore fratre Leone, nunc primum edidit Paul Sabatier, Paris, Librairie Fischbaker, Rue de Seine 33. 1898.).

Resta ora da stabilire se il disegno fu, iconograficamente, un’invenzione di Francesco o se il fondatore dei Frati Minori, considerata la tipologia simbolica che si avvicina alle illustrazioni bibliche dell’epoca, si sia ispirato a un’edizione miniata del sacro libro.

 

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

SE HAI GRADITO QUESTO SERVIZIO, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista