Home / News / Un bozzetto di Velàzquez? Feroce contrapposizione tra critici
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L'opera attribuita a Velazquez come lavoro preparatorio alle Meninas
L'opera attribuita a Velazquez come lavoro preparatorio alle Meninas

Un bozzetto di Velàzquez? Feroce contrapposizione tra critici


Il professor Díaz Padrón ha atteso una lezione di storia dell’arte per comunicare un’importante scoperta. Un secondo quadro che rappresenta Las Meninas, – conservato a Kingston Lacy e acquistato dal proprietario terriero inglese e collezionista d’arte William Bankes nel XIX secolo-  non sarebbe opera di Velàzquez junior, come si era fino ad oggi ritenuto, ma andrebbe ascritto al grande maestro.  Centinaia erano gli invitati alla conferenza organizzata dalla  Royal Academy di Spagna di Belle Arti per sentire uno degli studiosi più seguiti dal grande pubblico iberico.

 

l quadro di Velàzquez al Prado

l quadro di Velàzquez al Prado

Il ricercatore Díaz Padrón è giunto alle conclusioni che l’opera è un bozzetto realizzato dal grande pittore per presentare l’idea al sovrano e iniziare la stesura del soggetto maggiore. Diàz sostiene che nel passato, anche ai tempi, di Goya, l’opera era ritenuta del maestro, solo successivamente sarebbe stata declassata. Del resto la qualità del lavoro e, soprattutto i colori identici, afferma Diàz, lasciano pensare a questa possibilità. Ma le sue dichiarazioni hanno sollevato il putiferio, come sempre accade nell’ambito dei processi attributivi. Il curatore di una mostra di ritratti di Velzazquez, accanto ai quali il quadro sarà collocato, è già pronto alla bocciatura: “Collezionisti ed esperti vedranno chiaramente che questa non è un opera di Velzazquez” dice. Il Prado, da parte sua, nonostante, a livello informale circolino voci sul fatto che al museo non dispiacerebbe il siluramento del quadro, induce un suo esponente a dichiarare che non ha nessuna intenzione ad esprimere giudizi su un quadro non proprio. Di diverso tenore le dichiarazioni dell’ente inglese, proprietario del dipinto. Naturalmente aperte alla nuova attribuzione. Tutto il mondo è paese. Non accade così soltanto in Italia.

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti