Home / News / Un Dalì in prestito come un libro. Opere d’arte accessibili a tutti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Un Dalì in prestito come un libro. Opere d’arte accessibili a tutti

Un Dalì nel proprio salotto di casa? Una prospettiva che solo un Rockfeller o un Bill Gates di turno possono abbracciare. Errore! Perché a Laives, in provincia di Bolzano, chiunque può sfoggiare dipinti e opere dei più illustri autori; l’arte, infatti, è diventata a noleggio. Appesi alle mura della sede espositiva di via Pietralba quadri di artisti celebri in tutto il mondo vengono messi a disposizione di tutti.

Pietro Archis

Pietro Archis

Ma in che modo si concretizza l’affitto dell’opera? “Si sceglie il dipinto che interessa, – spiega Pietro Archis (artista nato a Belluno, residente a Laives e uno degli organizzatori dell’iniziativa) a altoadige.gelocal.it – e  si compila un modulo di iscrizione all’iniziativa che ovviamente serve per avere le generalità di chi prende in prestito il quadro e sapere dove verrà collocato e si versa la quota, che varia a seconda dell’importanza dell’opera richiesta. Al massimo si possono prendere a noleggio due opere d’arte e per non più di un paio di mesi. Spesso ad accompagnare le opere ci sono dei cataloghi o delle cartelle che illustrano la ricerca e la biografia dell’autore”.

Tra la lista degli autori di opere noleggiabili spiccano grandi nomi: Dalì (appunto) e Karl Plattner su tutti.

Tanti gli artisti aderenti all’iniziativa – compreso Pietro Archis -: Vittorio Amadio, Manlio Bacosi, Remo Brindisi, Nello Bocci, Antonino Carbone, Giancarlo Cassetta, Josef Costazza, Stefano Di Stasio, Adolf Frohner, Gineba, Giuliano Geleng, Franz Lenhard, Fausto Minestrini e molti altri.

“La sala espositiva che abbiamo a disposizione – prosegue Archis – qui in via Pietralba è proprietà del Comune di Laives, che ci ha concesso il periodo fino al 7 settembre, dopo di che dovremo smobilitare e trovare una sistemazione diversa. L’orario, per chi vuole venire a farci visita, anche solo per ammirare i quadri in esposizione è dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, tutti i giorni».

Se siete interessati a sfoggiare – per due mesi – un capolavoro d’autore atteggiandovi a grandi magnati e a businessman senza rivali, recatevi tosto in quel di Laives dove opere di Dalì e Markus Vallazza verranno affidate alle vostra persona e appese nei vostri salotti.

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti