Home / News / Un uomo si aggira sulla luna. Ecco il filmato. E le spiegazioni percettive del fenomeno
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Un uomo si aggira sulla luna. Ecco il filmato. E le spiegazioni percettive del fenomeno


ominide 1

Un uomo si aggira sulla luna, senza casco, con passo sciolto? L’immagine sta facendo il giro del mondo. Non è frutto dell’azione di un intervento di accomodamento con photoshop, ma dipende dalla pigrizia produttiva del nostro cervello, che procede per categorie percettive. Ingombri, forme che noi assimiliamo nel tempo e che ci rendono esposti ad illusioni ottiche, quando le linee evocano, illusoriamente un “già visto”. Si tratta di un’importante economizzazione percettiva, che può però esporci ad abbagli improvvisi, se l’oggetto non viene rianalizzato analiticamente, abbandonando il criterio della percezione rapida. Per un esploratore, via internet, di Google moon si tratterebbe dell’immagine di un ominide. Be’, per noi che ci occupiamo di arte è un vero divertimento.

Pareidolia è la modalità con la quale il cervello, scansionando sommariamente un oggetto, ne riporta le linee a forme già note o ampiamente codificate. E poiché la codificazione della figura umana, nella nostra mente, presenta migliaia di forme, è per noi facile riconoscere in un’ombra una postura o un soggetto umano “deja vu”. Per chi volesse seguire l’evoluzione dell’ombra umana, verificando la veridicità del filmato, può collegarsi con Google Moon componendo le seguenti coordinate: 27° 34’26.35 “N 19 ° 36’4.75″ W. Qui sotto il filmato.

 

 

ALCUNI IMMAGINI PROVENIENTI DA MARTE



x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica