Home / Pittura dell'ottocento / Utagawa Hiroshige – La formazione, le fonti, le stampe e l’influenza sull’Occidente
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Utagawa Hiroshige – La formazione, le fonti, le stampe e l’influenza sull’Occidente

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 

Nato a Edo (oggi Tokyo), Utagawa Hiroshige (1797-1858), figlio di un samurai di basso rango al servizio del più grande feudatario del Giappone, visse in un’epoca densa di fermenti sociali ed artistici, segnata da profonde trasformazioni politiche e culturali. Poiché l’adempimento degli incarichi amministrativi attribuiti ai samurai – ed ereditati di padre in figlio – non assicurava entrate sufficienti per garantirne la sussistenza, essi si vedevano costretti ad intraprendere una seconda professione, come quella di medico, insegnante o pittore.
Fu quest’ultima la carriera abbracciata da Hiroshige che, rimasto orfano dei genitori a soli tredici anni, diventò discepolo di Utagawa Toyohiro, cimentandosi nella produzione di stampe che corredavano antologie di poesie umoristiche o ritraevano cortigiane e attori di teatro popolare.
Alla morte di Toyohiro, avvenuta nel 1828, la svolta: affrancatosi da ogni vincolo, Hiroshige si dedicò alla rappresentazione della natura, inaugurando un inedito e fortunato genere di paesaggio che suscitò l’interesse di molti pittori europei e statunitensi come Van Gogh, Monet e Whistler.
Stile ha intervistato Gian Carlo Calza, tra i massimi esperti occidentali di arte giapponese, nonché curatore della mostra Hiroshige, il maestro della natura

La società giapponese del XIX secolo assegnava alle stampe un ruolo meramente ornamentale?
Le stampe in Giappone erano molto più di un semplice ornamento: avevano una notevole forza di comunicazione culturale a livello sia borghese che popolare. In un certo senso rivestivano la funzione dei nostri rotocalchi, in quanto trasmettevano i messaggi e le espressioni della moda. La maggior parte di esse, infatti, ritraeva noti attori, bellezze femminili, personaggi letterari, miti nazionali.
Il paesaggio come soggetto, invece, si affermerà tardivamente, e proprio grazie a Hiroshige.

In che misura l’editore influenzava le scelte artistiche di un pittore?
L’influenza dell’editore era indubbiamente fortissima: spesso stipulava accordi economici con i proprietari di case o sale da tè, disposti a pagare pur di veder rappresentati i loro ambienti sulle stampe. In altri casi pubblicizzava la propria attività: in una stampa raffigurante il porto di Osaka, ad esempio, compare un’imbarcazione su cui è impresso il nome della casa editrice presso cui lavorava Hiroshige.


Il 1828 è l’anno della svolta nella carriera di Hiroshige: che cosa lo spinse ad indirizzare la propria ricerca, fino ad allora orientata soprattutto sulla rappresentazione dell’uomo, verso natura e paesaggio?
Data la mancanza pressoché totale di scritti autobiografici o teorici è difficile formulare una risposta esauriente. Nel 1828 muore Toyohiro, il maestro di Hiroshige, ed il Nostro si trova per la prima volta libero di scegliere, sperimentare, affrontare nuovi temi. Egli decide di dedicarsi esclusivamente al “racconto” della natura, e nel 1830 dà alle stampe le Trentasei vedute del monte Fuji. Fu forse l’enorme, inatteso successo riscosso da questi lavori a indurlo ad abbandonare in via definitiva la raffigurazione dell’uomo in favore del paesaggio.

Quali sono le fonti cui Hiroshige attingeva per l’esecuzione delle sue vedute?
Tutti concordano sul fatto che Hiroshige attingesse a guide turistiche e libri di illustrazione per costruire le immagini di molte sue opere, che venivano al contrario spacciate come prese dal vivo. Grazie al formato – in genere 26×28 cm – e alla qualità artistica, le sue stampe a colori diventarono comunque ben presto uno strumento di divulgazione assai più significativo rispetto alle guide in circolazione.
Per quanto concerne invece la rappresentazione di animali, soprattutto uccelli esotici, egli ebbe la possibilità di studiare de visu i suoi soggetti: i giapponesi importavano infatti al tempo diverse specie di volatili dalla Cina e ne facevano strumento di attrazione in luoghi di ritrovo come ristoranti e case da tè.

Nella pittura occidentale, il paesaggio cela sovente significati allegorici: ciò vale anche per le vedute di Hiroshige?
Se il tema in Occidente è legato alla “riscoperta” dell’Arcadia, nella tradizione nipponica è piuttosto connesso alla religione primigenia e prevede la compartecipazione dell’uomo alla natura, considerata divina. Eseguendo le sue vedute all’interno di Edo e nelle province, Hiroshige compie inconsciamente un’opera unificatrice, poiché incita i giapponesi a prendere consapevolezza del proprio Paese, della propria identità nazionale, instilla sentimenti patriottici e al contempo suggerisce una riflessione introspettiva, un intimo ricongiungimento con la realtà originaria.

E’ possibile ravvisare, nelle sue stampe, influssi dell’arte europea?
Senz’altro Hiroshige ebbe modo di studiare la prospettiva e di ammirare i capolavori riprodotti in manuali e testi specialistici, ma non sembra che ne fosse particolarmente attratto. Sarebbe opportuno, in ogni caso, parlare di un’influenza plastica più che pittorica: dalla nostra cultura l’artista ha desunto e fatto propria la volontà di ritrarre il vero, di descrivere la realtà che ci circonda e non un mondo immaginifico e lontano.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Come si dipingono le bianche cascate spumeggianti

Pierre-Auguste Renoir, qui filmato autentico. Così dipingeva vincendo la malattia che gli torceva le mani