Home / Fotografia / Brassaï – La vecchia Parigi di notte. Il video, le quotazioni
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Brassaï – La vecchia Parigi di notte. Il video, le quotazioni

Immagini, video, fotografie. Gratis Brassaï, prezzi, costi, valore, aste, stime, valutazioni, risultati d’asta gratis.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995
Per l’anagrafe era Gyula Halász, nato a Brassov, un tempo Ungheria, oggi Romania, il 9 settembre 1899. Ma il mondo l’avrebbe conosciuto come Brassaï -cioè abitante di Brassov – grande fotografo, cantore della malinconia notturna di Parigi, intellettuale, poeta, scrittore, scultore e cineasta. Figlio di un professore che aveva insegnato alla Sorbona, Gyula era comunque cresciuto in Ungheria, da dove era partito, venticinquenne, alla volta della capitale francese. Per apprendere la lingua,  il giovane aveva scelto la strada impervia e raffinata della lettura di Proust.

Quindi aveva cominciato a frequentare i ritrovi artistici di Montparnasse e aveva trovato lavoro come giornalista, conoscendo Henry Miller che, in quel periodo, risiedeva in Francia e che avrebbe fatto confluire i fatti e le atmosfere di quegli anni e di quei luoghi in “Tropico del cancro”.   Brassaï aveva poi imboccato più decisamente la strada della fotografia. mettendo a frutto l’esperienza maturata presso un altro grande fotografo, il connazionale André Kertész. Egli scrisse che si sarebbe rivolto alla fotografia “al fine di catturare la bellezza di strade e giardini sotto la pioggia e la nebbia, e di fermare gli istanti della Parigi notturna”. Le immagini sarebbero confluite, nel 1933, nel libro  libro intitolato Paris de nuit (Parigi di notte), che riscosse un grande successo, lavoro per il quale fu ufficialmente riconosciuto -lo scrisse lo stesso Miller – come “l’occhio di Parigi”.  Morì nel luglio 1984.

Le sue stampe originali hanno valutazioni che possono superare i ventimila euro.

NEL FILMATO UN VIAGGIO TRA LE OPERE DI Brassaï

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI Brassaï CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=brassai

http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=brassai

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista