Home / News / Visioni angeliche: con Corot l’angelo atterra nei luoghi del reale
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Camille Corot-Agar n#1F89BF

Visioni angeliche: con Corot l’angelo atterra nei luoghi del reale

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995
Ecco il quadro che Camille Corot dedicò, nel 1835, al soggetto dell’incontro tra l’angelo e Agar, opera che documenta come il tema “angelico” si inserisca pure nel contesto dell’estremo realismo del pittore francese.
La prioritaria attenzione rivolta dall’autore ai valori dell’atmosfera e della materia e alla riproduzione della realtà lo ha portato a ricondurre la scena ad un’ambientazione brulla, che allude al deserto (anche se la presenza dell’agave americana è incoerente con l’epoca ed il luogo).
L’angelo raffigurato in volo, come una grande colomba bianca, mentre da lontano si accinge a planare verso la donna disperata per le sorti del figlioletto, simboleggia la benevolenza di Dio, che presto si concretizzerà nelle confortanti parole che il messaggero alato consegnerà alla madre.

Camille Corot, Agar nel deserto

Camille Corot, Agar nel deserto

Per saperne di più:

Marco Bussagli, Angeli. Origini, storie
e immagini delle creature celesti, Mondadori, 780 pagine,
15 euro.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista