Home / News / Vivere nel Settecento, a palazzo Mocenigo anche un percorso olfattivo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Vivere nel Settecento, a palazzo Mocenigo anche un percorso olfattivo



Nel prestigioso Palazzo Mocenigo di San Stae a Venezia verrà aperta una nuova mostra,  a seguito dell’eccezionale intervento di restauro e di riallestimento del Museo, che permetterà di rivivere, nelle diciannove sale, aperte al pubblico, la splendida atmosfera barocca della Venezia del XVIII secolo.

Museo-di-Palazzo-Mocenigo4

La storia della dimora prende il suo avvio nei primi decenni del Cinquecento, e nel tempo fu oggetto di interventi di ampliamento e di nuove ristrutturazioni. Presenta, nelle due facciate esterne. una struttura molto composta ed equilibrata, con il ripetersi armonico di finestre trabeate, nella cui chiave di volta appare un mascherone. Il palazzo, al suo interno, come è facilmente presumibile guardando la disposizione delle finestre di facciata sul canale, presenta un salone centrale di rappresentanza, da cui si dipartono le stanze tra di loro comunicanti.

Museo-di-Palazzo-Mocenigo2

 

La dimora nobiliare, dagli splendidi affreschi a soffitto, opera dei pittori settecenteschi  Jacopo Guarana (1720-1808), Giambattista Canal (1745-1825) e Giovanni Scajaro (attivo nella seconda metà XVIII secolo), fu lasciato in eredità, con  l’archivio e una parte degli arredi, al Comune di Venezia per disposizione testamentaria dell’ultimo discendente, Alvise Nicolò, con la clausola che il palazzo fosse utilizzato “per Galleria d’Arte, a completamento del Museo Correr”, unendo ancora il nome dei Mocenigo a quello dei Correr, come già avvenne con il matrimonio tra le due casate nel 1797. Solo però alla fine degli anni Settanta del XX secolo, con la morte della moglie del generoso testatore, il Comune di Venezia entrò in possesso dell’immobile e dei beni in esso conservati; dì lì a poco venne aperto al pubblico come Museo e fu inaugurato un Centro Studi di Storia del tessuto e del Costume.

Il recente progetto, avviato nel gennaio 2013, con il supporto della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, del Comune di Venezia, e conclusosi in questi giorni ha avuto come coordinatore l’architetto, regista e scenografo Maestro Pier Luigi Pizzi, affiancato dalla direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia, Gabriella Belli e della responsabile del Museo stesso, Chiara Squarcina.

Museo-di-Palazzo-Mocenigo3

 

Nelle diciannove sale, poste nel piano nobile del palazzo, completamente rinnovate nelle tappezzerie e nei tendaggi, riproposti con ferrea fedeltà agli originali, sono esposte, in un incessante e sfavillante susseguirsi di colori, le tendenze della moda e del costume, tra cui spiccano tessuti, capi d’abbigliamento e accessori del XVIII secolo.  Appaiono anche esposti oggetti in vetro, provenienti dal Museo del Vetro di Murano e antichi merletti, avuti in prestito dal Museo di Burano. Ma ciò che aggiunge una “fragranza” in più a questo già ricco percorso espositivo è stata la scelta di inserire un itinerario olfattivo, dedicato al profumo e alle essenze, legame che fu sempre strettissimo con la città di Venezia, affidato a Mavive spa. In mostra è presente il primo manuale di cosmetica ,“I Notandissimi Secreti de l’Arte Profumatoria” scritto da Giovanventura Rossetti nel 1555 e preziosi erbari, tra cui l’Erbario Mattioli, di proprietà del Museo di Storia Naturale di Venezia. Partecipa anche al progetto la società tedesca di essenze Drom che ha creato le istallazioni di profumi, oltre a mettere a disposizione la propria collezione di Flaconi Storp, oltre 2500, alcuni databili fino al 2000 a.C..

Dunque una mostra unica in cui l’esperienza visiva, l’esperienza tattile che si avvia in noi anche solo osservando i tessuti, e l’esperienza olfattiva si uniscono in uno scenario malinconico e nello stesso tempo esuberante simile a quello che caratterizzò lo splendore della Venezia settecentesca, in cui lo sfavillio della luce che si rifletteva sui cristalli dei lampadari si univa all’oscurità delle calle inghiottite dal buio e dal silenzio dei canali.

SE HAI GRADITO QUESTO SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”. SE TI PIACE COPIA IL LINK DELLA PAGINA, INVIALO CON MAIL AGLI AMICI E POSTALO SULLA TUA PAGINA FACEBOOK

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Trasparenze e luci fotografiche dell’eros negli acquerelli di Steve Hanks. Il filmato

Schad: Il ritratto “romano” dell’amante, Fornarina del Ventesimo secolo