Home / Arte contemporanea / Wal, alle sorgenti della stupefazione infantile
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

steccata

Wal, alle sorgenti della stupefazione infantile

Nella pagina, le terrecotte smaltate di Wal, Walter Guidobaldi

 

Fino al 30 novembre sarà aperta nella sede di Milano della Galleria Centro Steccata una mostra dedicata al Maestro Wal (Walter Guidobaldi) dal titolo “Wal ovvero il rinnovabile mistero della stupefazione” accompagnata dalla presentazione del catalogo curato dal Prof. Luciano Caprile.
Una selezione di sculture, dipinti e disegni che caratterizzano la sua ricerca dagli anni Ottanta a oggi; dalle prove in ambito fumettistico che sfociano nell’adesione al gruppo dei “Nuovi-nuovi” di Renato Barilli, ai futuristici vortici delle “api”, un turbine di gesti e di segni che si placheranno nell’astrazione geometrica che dal 1987 va a occupare il corpo stilizzato di animali ritagliati nel legno:




steccata MONGOLFIERE_m steccata GIOCOLIERE_m

 

Mentre a partire dal 1990 avviene l’ultima e decisiva rivoluzione creativa: entra in scena quel “putto” che diventa il protagonista assoluto delle sue opere e che conquista il ruolo principale nell’attuale esposizione. Afferma in proposito Renato Badili: “Wal trova che è giunta l’ora di dare corda, anzi fiato, aria a quel protagonista capriccioso e imperioso che lo assedia fin dall’inizio, anche se finora non si è mai mostrato allo scoperto: un patto pretenzioso, irriverente, malizioso, ma nello stesso tempo tanto dolce e paffutello come si conviene a ogni bambino”.
Il putto è protagonista nelle tele, nei disegni, negli acquerelli ma soprattutto nelle sculture realizzate prevalentemente in terracotta smaltata ( ma anche risolte in bronzo e in vetroresina); questa è una felice sorpresa per gli adulti che si trovano al cospetto di simili interpreti che rappresentano “il nostalgico passato dell’infanzia, di ciò che si poteva impunemente fare o pensare”, come scrive Luciano Caprile nel suo saggio in catalogo. Pertanto sorprendiamo questo fanciullino in atteggiamento giocoso al culmine della progressione piramidale sostenuta da una tartaruga (Rabdomante) oppure candidamente abbracciato a una sfera dorata (Tesoro) oppure ancora intento a tuffarsi sul pallone ovale usato nel rugby (InMeta).
Wal dunque ci invita al sogno e alla stupefazione, alla riconquista di un mondo smarrito da rivisitare con nostalgica ironia.

La sede della galleria di via Maroncelli 10 recentemente inaugurata è in una posizione strategica tra Corso Como e Porta Garibaldi, facilmente raggiungibile in metropolitana, automobile o con i treni ad alta velocità della stazione Garibaldi; situata nel cuore pulsante del centro della Milano che si allarga e si trasforma velocemente in vista dell’Expo 2015.

SCHEDA ESPOSIZIONE:
TITOLO MOSTRA: “Wal ovvero il rinnovabile mistero della stupefazione”
CATALOGO: a cura del Prof. Luciano Caprile
LUOGO: Galleria Centro Steccata
INDIRIZZO: via Pietro Maroncelli 10 — Milano
DURATA ESPOSIZIONE: dal 10 ottobre al 30 novembre 2013
ORARI: dal lunedì al venerdì 10 — 12:30 / 15 — 19

Per informazioni:
GALLERIA CENTRO STECCATA
Strada Garibaldi 23 – 43121 Parma Tel/ Fax 0521.285118 mobile +39 340 1126164
Via Pietro Maroncelli 10 – 20124 Milano Tel/ Fax 02.29006174 mobile +39 337 273264

x

Ti potrebbe interessare

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo

a dylan

Avete mai visto i quadri dipinti da Bob Dylan? In 3 minuti guardate qui la sua antologia pittorica