Home / Arte Eros / Waldeck, il pornografo filo-Romano che visse fino a 109 anni. Le opere, il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Waldeck, il pornografo filo-Romano che visse fino a 109 anni. Le opere, il video

a nudo

Jean-Frédéric Maximilien Waldeck (Praga, 1766 – Parigi, 1875) fu un cartografo, artista ed esploratore francese noto per la qualità dell’opera e per la straordinaria longevità. Visse infatti per 109 anni. E ‘il primo artista europeo ad aver disegnato i monumenti della cultura Maya ed è stato anche un disegnatore di tavole lussuriose, improntate all’archeologia e al recupero di Giulio Romano e di Marcantonio Raimondi.
Disse di sè che era un duca, un conte o un barone.
Waldeck ha studiato arte a Parigi, ha affermato di aver partecipato alla campagna d’Egitto di Napoleone, e si è impegnato nei viaggi di ricerca in Sud Africa, Cile, Guatemala e Messico. Dipinse acquarelli di monumenti locali. Nel 1825 fu assunto da una società mineraria, di capitale inglese, in Messico, come ingegnere. Dopo aver lasciato l’occupazione, si diede allo studio delle rovine precolombiane del Paese, molto a Palenque, dove rimase due anni, e a Uxmal.

> Per approfondire: le opere e gli studi di Waldeck. Qui

Il suo libro, pubblicato nel 1838, riguarda il viaggio nello Yucatan, durante gli anni 1834 e 1836, ma le immagini romantiche non sono molto precise.

Il video delle tavole erotiche dell’autore riprese dalla linea- Giulio Romano-Marcantonio Raimondi, termina con un imprevisto omaggio ai disegni erotici di Boldini.

Qui il raro libro “Jean-Frederic Waldeck: Artist of Exotic Mexico by Esther Pasztory. Per collezionisti e inteditori

> Per approfondire: le opere e gli studi di Waldeck. Su Amazon

 

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

a pene

L’uomo che dipinge quadri con il pene. Sorprendente. Eccolo. Il video

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica