Archivi Mensili: gennaio 2018

Arturo Martini – Le persecuzioni del regime antifascista

Durante gli anni della Seconda guerra mondiale lasciò la scultura - perchè ne coglieva l'aspetto retorico e celebrativo - e si immerse nella pittura. Finita la guerra fu al centro dell'idiozia italica del nuovo regime. Processato e perseguitato perchè aveva realizzato statue commissionate da enti pubblici fascisti. Dietro la vicenda di Martini, quella di un Paese che non sa uscire, ancora oggi, dalla logica della guerra civile

Leggi Articolo »

Quando si usa l’articolo davanti al cognome: Caravaggio o il Caravaggio?

La grammatica nella storia dell'arte non è così scontata come appare. Se infatti, normalmente, l'articolo non si applica mai davanti al nome proprio, in ambito artistico - in modo più frequente rispetto ad altre discipline - esso, in tanti casi appare consigliabile e, in tanti altri tollerato. Permane il divieto di utilizzo dell'articolo davanti a nomi o cognomi che non rinviano a località, soprattutto per una questione di eleganza. No "Il Tiziano" ma "Tiziano", no "Il Buonarroti" ma "Buonarroti", no "ll Canova", sì "Canova".  Nei casi di cognomi l'articolo determinativo "il" o quello indeterminativo  "un" indicano l'opera del maestro indicato, in un uso che è stato rafforzato dalle necessità sintetiche del giornalismo. "Rubato un Tiziano" significa che è stato rubato un quadro di Tiziano Vecellio, mentre "Il Tiziano rubato" significa che tutti sono a conoscenza di quale sia il quadro scomparso.

Leggi Articolo »

Posare per una foto sotto un gelido salto d’acqua. E la pelle si plasma di brividi

La ricerca di un corso d'acqua da fotografare come sfondo agente del passaggio di una bella modella. Immagine canonica, diremmo abusata. Ma il piacere dell'acqua e della figura femminile si legano in una bellezza sovrana, pur ripetibile.Anche se la realtà, come vedremo nel filmato, è un po' diversa. La pelle sarà plasmata dai brividi. Ma che sacrificio, per la modella

Leggi Articolo »

Scintillanti capolavori delle popolazioni nomadi della steppa. L’oro emanazione divina

La tradizionale contrapposizione fra le “genti barbariche” considerate selvagge e quelle sedentarie, a cui invece corrispondevano ordine e norma, risale alle fonti più antiche, a cominciare da Omero. Tuttavia tale antinomia ci pare più letteraria che reale: lo splendore sfavillante dei gioielli, le armi impreziosite dall’oro e dalle gemme o i finimenti più ricchi per i cavalli, la sontuosità del vasellame cerimoniale da banchetto rappresentano di fatto simboli trasversali nello spazio e nel tempo di un’identica aspirazione all’autocelebrazione dei ceti più potenti

Leggi Articolo »