Home / 2018 / febbraio / 02

Archivi giornalieri: 2 febbraio 2018

Viaggio nei paesi-fantasma d’Italia. Villaggi spettrali e monumenti. Il video

Il fascino tutto romantico delle rovine ha eliminato ogni traccia di dolore antico, lasciando alle vestigia il ruolo di splendidi testimoni delle capacità costruttive degli italiani; delle loro fantasia, del rapporto tra pragmatismo e propensione alla bellezza. Nel nostro Paese molto borghi antichi sono stati abbandonati per svariati motivi tra il XIX e il XX secolo. Guerre, malattie. Ma, ancor di più, dissesti idrogeologici e terremoti. Case e palazzi, con il passare del tempo hanno perduto i tetti, crollati sotto la neve o la pioggia, a causa della mancata manutenzione. Ma sono belli così, come furono lasciati, questi monumenti, frequentati da cavalli bradi che si riparano dal caldo e dalle intemperie

Leggi Articolo »

Sorprendente. Come vengono prodotte le sculture erotiche con stampante 3D. Il video

Sappiamo bene, pur a livello superficiale, cos'è un sistema di stampa 3d, cioè un modo per trasformare una serie di scatti fotografici in un oggetto. In questo caso piccole sculture a tutto tondo possono essere prodotte, come avviene nel filmato, grazie alle immagini ricavate da una doccia fotografica. La modella entra in questa piccola stanza in cui sono collocate 64 macchine fotografiche collegate al computer. Ogni macchina inquadra una parte del corpo. I particolari delle immagini vengono accostati dal computer che crea un'immagine tridimensionale. L'immagine 3d viene poi trasformata in una piccola scultura di materiale plastico. Come? La stampante segue le indicazioni di vuoto e pieno provenienti dal computer e, a strati, deposita materiali plastici, che poi solidificano. a scultura 1

Leggi Articolo »

Calze, giarrettiere e languide ragazze di seta: la pittura sensuale di Protti (1882-1949)

Alfredo Protti (1882-1949) è uno dei pittori più noti e amati di quella Bologna novecentesca che lo storico dell’arte Ludovico Ragghianti definì «cruciale» per la straordinaria concentrazione di artisti che contribuirono a modernizzare l’arte e la società italiane. Nato nello stesso anno di Umberto Boccioni e Gino Severini, e otto anni prima di Giorgio Morandi, Protti seguì una carriera artistica autonoma rispetto alle correnti più radicali dell’avanguardia futurista e metafisica; tuttavia la sua pittura, di respiro europeo, contribuì profondamente alla formazione dell’identità moderna di Bologna

Leggi Articolo »

Zeng Fanzhi, questa pittura cinese contemporanea vale milioni. Il video

Zeng Fanzhi, nato nel 1964 a Wuhan , provincia di Hubei, in Cina, è un artista cinese con sede a Pechino, che risulta tra i più amati p oichè unisce tratti inequivocabili della propria cultura, rivisitazione dell'arte rinasscimentale italianae un accesso al mondo warholismo, attraverso il recupero di una matrice disegnativa pop. Zeng è un punto di incontro tra più culture, che parzialmente, possono pur rispecchiarsi nei suoi quadri.quella asiatica, quella europea e quella americana. Questa particolare collocazione linguistica e il sostegno notevole. da parte del mercato cinese, anche alle aste internazionali, portano l'artista tra i pittori viventi più valutati del mondo.

Leggi Articolo »

Artigiano o artista? Quando, come e perchè i due ruoli iniziarono a distinguersi

Nel millennio racchiuso nel termine “Medioevo”, che va dalla caduta dell’Impero romano d’Occidente agli inizi del Quattrocento, coloro che oggi definiremmo “artisti” erano detti “artifices”, termine con il quale venivano chiamati tutti gli artigiani: e proprio questo diverso uso del termine “artefice” rivela la differenza tra la concezione moderna e quella medievale dell’arte e dell’attività artistica. Nel lungo scorrere del Medioevo avvennero migrazioni di popoli, il Cristianesimo subentrò alle antiche religioni politeistiche, si trasformarono completamente la società e l’intera geografia dell’Occidente

Leggi Articolo »

Elisabetta Sirani fu avvelenata? Storia di una grande pittrice morta a 27 anni

Era figlia di Giovanni Andrea Sirani, assistente principale Guido Reni, ottimo pittore al quale il destino aveva riservato l'impossibilità di continuare a dipingere a causa di una forma di gotta che lo aveva colpito, oltre ai piedi, anche alle mani. Elisabetta, che si era formata nella bottega del padre, prese le redini dell'impresa paterna e la volse al femminile, chiamando a lavorare giovani colleghe, tra le quali la pittrice Ginevra Cantofoli

Leggi Articolo »

Nathan Coley – L’artista scozzese che trae sacralità dal cartone

Per tutto il 2014 la Scozia analizza, studia e propone in mostre gli artisti che hanno segnato la rinascita dell'arte contemporanea sul territorio. Tra le presenze più significative, quella di Nathan Coley, nato nel 1967 a Glasgow. Finalista al Turner prize nel 2007, Coley si è formato alla scuola d'arte della città natale. L'artista, come possiamo vedere, lavora spesso a livello di installazioni nelle quali egli propone gli edifici in un'aura di rilettura della sacralità; anche per questo motivo egli ha presentato lavori con chiese o lastre tombali e ha realizzato vere e proprie sepolture. Attualmente vive e lavora a Glasgow.

Leggi Articolo »

Plautilla Nelli, la suora-pittrice innamorata del pensiero di Savonarola

“Pochi sanno che da ben più di cinque secoli Firenze è un vero e proprio centro per l'arte al femminile” spiega Jane Fortune, fondatore e presidente di AWA. “Le opere di artiste donne che abbiamo ritracciato e censito nei musei e chiese di Firenze sono più di 2.000. Sono una parte ‘invisibile’ della storia dell’arte, che necessita di essere restituita al pubblico. Plautilla Nelli ha aperto la strada ad altre donne della sua epoca e ha goduto di un successo senza precedenti. È l'ispirazione il vero stimolo della nostra missione: dare voce alle donne artiste del passato. Grazie a questa mostra, Nelli non sarà più tra le artiste ‘invisibili’”. La mostra realizzata dagli Uffizi

Leggi Articolo »

I mondi fatati e meravigliosi della fotografa Katerina Plotnikova. Un piccolo incanto

Nell'ambito della cultura russa esiste un filone iconografico ricorrente che raccorda figure evanescenti femminili, che si librano come lievi spettri, con l'assoluto naturale di grandi pianure e foreste. Si ritiene che la matrice delle suggestioni sia legato alle comunità di origine tedesca presenti a ovest dell'ex impero sovietico, che esplicitavano la propria cultura di derivazione romantica attraverso la leggenda della Sposa prussiana, una giovane, splendida donna, che muore, viene sepolta ma il cui cadavere sparisce misteriosamente. Essa così riappare nelle foreste e nelle vaste piane per riaccedenre con la propria melanconica bellezza l'idea dell'eternità dell'anima, della bellezza e del sogno di un popolo, come quello prussiano, che non sarà schiacciato dai russi. In questi territori narrativi si dirige la fotografa moscovita Katerina Plotnikova (1987).

Leggi Articolo »