Home / 2018 / marzo / 16

Archivi giornalieri: 16 marzo 2018

Ettore Tito, il pittore delle donne e della gioia. L’amore, i sensi, l’eros, la luce. Il video

«Salubre e serena, l’arte sua ignora la bruttezza» (Ugo Ojetti). La grande abilità tecnica, la felice disinvoltura, il raro virtuosismo degli scorci e degli effetti di luce, la vivacità del colore e la scelta dei soggetti sempre all’aria aperta, hanno dato all’opera di Ettore Tito un inconfondibile prestigio. Le sue grandi composizioni allegoriche sono state eseguite su pareti affrescate e in queste si nota una spiccata ispirazione tiepolesca. Ed anche nelle altre opere è palese l’influenza della pittura del settecento veneziano

Leggi Articolo »

Il genio e la poetessa. Fu amore quello tra Michelangelo-bisex e Vittoria Colonna?

Un altro risvolto. Vittoria fu l’unica, autentica amicizia femminile del Buonarroti: anzi, egli la definì come “amico”, al maschile. Riscontriamo così da una parte il bisogno di un accudimento quasi materno, dall’altra l’emergere di un’immagine ambigua. Pensiamo agli elementi maschili presenti nelle figure femminili: ai “muscoli di maschio” elogiati dall’Aretino, per intenderci. Un po’ tutte le donne di Michelangelo sono così: dalla Venere del cartone di “Venere e Cupido” (poi dipinto dal Pontormo), alla “Notte”. L’aspetto forse più curioso è che un simile, nuovo ideale di bellezza fece tendenza, si impose in quegli anni a Firenze.

Leggi Articolo »

Cercate l’uomo nascosto in questa foto e in tante altre. Le opere di Liu Bolin. Il video

Liu Bolin (1973) è un artista cinese, noto per i suoi autoritratti fotografici, caratterizzati dalla fusione del corpo con l'area circostante, attraverso un accurato body-painting. Liu Bolin si è diplomato a Pechino, presso il dipartimento di Scultura dell'Accademia Centrale d'Arte Applicata, allievo del famoso artista Sui Jianguo, suo maestro agli inizi della carriera. Attualmente vive e lavora a Pechino. Liu appartiene alla generazione dei primi anni '90, tempi in cui la Cina rinacque dalle macerie della Rivoluzione Culturale e godette di un rapido sviluppo economico e di una relativa stabilità politica

Leggi Articolo »

Così parlò Mimmo Rotella: “La mia vita e Lucio Fontana, i décollage e Marilyn Monroe” – L’intervista

Mimmo Rotella ricostruisce con “Stile” il viaggio mitico che lo ha portato, come Fontana, alla scoperta di una nuova dimensione. Dalla preminenza del pensiero all’azione sui manifesti cinematografici. La poetica del “levare” e l’esperienza della sovrapittura, l’ossessione per la Monroe e per i colori del Mediterraneo, il confronto con Warhol. L’artista si racconta a tutto campo, individuando la radice della superiorità creativa europea rispetto ai giganti americani

Leggi Articolo »