Home / 2018 / giugno

Archivi Mensili: giugno 2018

Le monache lascive di Magnasco, racconto dei dolci vizi nel convento. Gola, lusso, musica, eros

Il Magnasco dedicò agli interni di nobili conventi alcuni quadri dominati da un’atmosfera raffinata e aperta al peccato. Tra ironia e denuncia libertina, suore come cortigiane bevono lussuriosamente cioccolata, badano al proprio corpo e incontrano suonatori (con allusioni erotiche insite nel concerto) nel parlatorio.

Leggi Articolo »

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Giovani donne, fiori, giardini, interni sontuosi, bambini. E' una pittura di gioia quella di Charles Courtney Curran (1861-1942) pittore americano, che svolse pratica in Francia a contatto con gli ambienti impressionisti. La sua pittura è più compatta e lineare, a differenza di quella dei colleghi francesi, come prescriveva la tradizione statunitense di quell'epoca.Figlio di un insegnante di scuola, Curran nacque a Hartford, nel Kentucky nel 1861. Pochi mesi dopo l'inizio della guerra civile, la famiglia si trasferì in Ohio; poi si stabilì a Sandusky sulle rive del lago Erie, dove il padre diventò direttore didattico. Charles Curran mostrò un interesse precoce e un'attitudine per l'arte e nel 1881 si trasferì a Cincinnati a studiare alla McMicken School (successivamente all' Accademia di Belle Arti di Cincinnati)

Leggi Articolo »

La pittura allucinata e allucinogena di Grünewald. Mostri, diavoli, malinconia e dolore. Il video

Essi hanno qualcosa di demoniaco, come apertamente satanici sono i mostri che appaiono a sant'Antonio, nel Deserto, altro dipinto particolarmente noto di questo maestro. Egli, nonostante avesse aderito al protestantesimo, sembra andare al di là di ogni pessimismo, riecheggiando le eresie bogomile e catare, in base alle quali nulla del mondo è buono, perchè frutto della creazione da parte di Satana. Questa pittura, attraverso le stampe o le copie, ha certamente costituito una base per il realismo deformante della coeva scuola bresciana - specie Romanino - e in certi modi precede - si osservi l'annunciazione e l'accostamento di colori acidi - Lorenzo Lotto, costituendo, attraverso la sua potenza, una base lontana ma possente per l'espressionismo novecentesco

Leggi Articolo »

Sai cos’è il biscuit? E dove veniva usato? E cosa c’entra la mollica di pane?

La raccolta di biscuit del Palazzo Reale di Torino documenta la fase conclusiva di questa passione, fra gli ultimi fuochi della chinoiserie, ormai in decadenza nella seconda metà del secolo XVIII secolo, e il sorgere del Neoclassicismo, con nuovi interessi e temi. Nel dettaglio, i biscuits in mostra rimandano in prevalenza alle manifatture francesi, che hanno fornito ai Savoia le produzioni più abbondanti, almeno a giudicare da quanto è sopravvissuto. Allo stato attuale degli studi non si può del resto distinguere in tutti i casi cosa fu direttamente richiesto da essi e cosa invece pervenne da altre residenze dopo l’unificazione italiana

Leggi Articolo »

Assenzio e arte – L’ ”ora verde” di Parigi e il bastone concavo di Toulouse-Lautrec

Gli artisti erano assidui frequentatori dell’ “ora verde” parigina, una sorta di happy hour ante litteram, che dalle cinque alle sette del pomeriggio trasformava i locali della Ville Lumière in una sorta di vivace agorà della cultura del tempo. La "fata verde" dava un contributo alla socializzazione e alla leggerezza, che tale non restava, dopo qualche ora di bevute

Leggi Articolo »

Cosa sono i cripto-ritratti? Ecco i misteriosi personaggi che posano per Lotto. Il video

Ciò che è straordinariamente importante per la pittura italiana di matrice lombardo-veneta è il riconoscimento universale dato a un artista fuori-linea, rispetto alle certezze rinascimentali, che seppe vedere ciò che gli altri non capivano e che sarebbe invece emerso secoli dopo, con un'unità sistemica: il mondo sommerso che sta dietro all'io. Solitario, anti-conformista, malinconico, religioso ma a proprio modo, conoscitore dell'alchimia. Errabondo, introverso, perseguitato anche dai propri più celebri colleghi. Gli studi di Enrico Maria Dal Pozzolo confluiti nella mostra del Prado

Leggi Articolo »

Cosa succede se si toglie la vernice a un quadro ad olio? Il video

La vernice finale stata è stata accuratamente rimossa. Dopo il restauro delle parti sulle quali, nel passato, si era intervenuto grossolanamente, si apporrà altra vernice finale, indispensabile per dar forza al colore e uniformare le parti, in direzione di una percezione reale della figura. La vernice finale ha anche la funzione di preservare il film pittorico dagli agenti esterni. I visitatori possono fermarsi e guardare come Fiona Beckett lavora a questo dipinto italiano.

Leggi Articolo »