Archivi giornalieri: 11 giugno 2019

Giovanni Boldini segreto, erotico-esplosivo

Il quadro La toelette (Femme s’essuyant), è una piccante tavoletta ( 55x45 centimetri) realizzata da Boldini tra il 1880 e il 1885, nella quale il gusto del superamento del limite dà segno dell’accesso pieno alla Belle époque. Boldini tende infatti a rilanciare in chiave moderna certe atmosfere da boudoir settecentesco spostando in là, nei termini della spudoratezza, la lecita contemplazione dell’oggetto del desiderio del pittore e dello spettatore. E il quadro che ne esce, per l’atmosfera cupa e i colori combusti e la pittura frustata sul legno, con un’azione che rinvia alla rapidità dell’impressione e all’azione di un sadico scudiscio, diventa il supremo esercizio di una mitica spudoratezza, un autentico inno alle libertà del mondo moderno. Giovanni Boldini, era giunto da Londra a Parigi nel novembre del 1871

Leggi Articolo »

Fabio Giocondo, metamorfosi pittorica di una gallina bianca con cripto-figure

L'artista: "I miei soggetti preferiti sono le figure; non faccio nessuna differenza tra quelle umane o quelle animali. L'opera Withe Chicken parte direttamente dal pennello, senza la delimitazione della matita. Il pennello mi ha lasciato libero di disfare quello che un minuto prima poteva sembrare una figura ben definita. Il gallo così acquista ironia: parte da un piumaggio a nocche, elegante ,ed arriva allo sguardo strabuzzato quasi di un piccione"

Leggi Articolo »

Eva Chiara Trevisan, levità e gravità. Io e trasmutazione in una via Lattea di perle

L'artista: "Queste forme possono dare un senso di pesantezza, ricordarci come la forza di gravità agisca oppure semplicemente evocare la natura con i suoi alveari e nidi d'insetti. Ma esse non vogliono rappresentare nulla di tutto ciò; stanno solo ricercando la propria identità, la propria essenza per poi manifestarsi a noi. A volte sono leggere e ci rammentano un Altro mondo; altre si fanno materia palpabile, altre ancora trovano la loro dimensione in un quaderno e sembrano non volerne più uscire. Viaggiano da una dimensione all'altra tramutandosi di volta in volta, arricchendosi e ricercando la propria sublimazione interiore che le purifichi e le renda uniche".

Leggi Articolo »

Valerio Cerasani, quando un dinosauro dell’era industriale appare invisibile

L'artista:"L'opera fa parte di una serie più vasta, riguardante il paesaggio e il modo in cui influisce su noi stessi. Il lavoro comincia sempre da foto del soggetto che mi incuriosisce. Nel caso specifico di questo lavoro, l’edificio è situato in una vecchia zona industriale, al quale però è stata cambiata destinazione d’uso. Tutta la zona intorno all’edificio è ormai commerciale, supermercati e negozi. L’unico ricordo dell’era industriale è questa costruzione, che sembra quasi non appartenere più al paesaggio circostante".

Leggi Articolo »