Archivi giornalieri: 4 maggio 2020

Fai clic. Entriamo e visitiamo da qui la casa di Monet a Giverny. Mouse o frecce per girare nell’edificio

Fu una vera casa di campagna senza avere l'ambizione di palazzo. A Monet interessava che potesse essere un luogo comodo, distante dalle convenzioni della capitale, ricco di tranquillità, in cui potessero correre avanti e indietro i numerosi bambini - uno suo, gli altri di Alice, la seconda moglie - e che lui e la compagna potessero entrare e uscire dal giardino, senza preoccupazioni borghesi per la pulizia dei pavimenti. Come ben sappiamo, si fece costruire, con la deviazione di un ramo del fiume, un bel laghetto. Nei dintorni teneva ormeggiato anche un barchino adattato ad atelier che utilizzava, con un collaboratore "marinaio" per cercare nuovi panorami sul fiume, ma sopratutto notare i mutamenti di luce, nello stesso spazio,in giorni o in ore diverse. Monet e la moglie amavano la botanica e i giardini

Leggi Articolo »