Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

79 acquerelli del principe Carlo in mostra a Londra. “La pittura mi ha consentito di vedere lati nascosti della realtà”

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

UNA MOSTRA LONDINESE DELLA PRINCE’S FOUNDATION ESPONE 79 ACQUERELLI DI CARLO, PRINCIPE DI GALLES. LA PIÙ GRANDE ESPOSIZIONE DEL LAVORO DEL PRINCIPE E LA PRIMA MOSTRA COMPLETA DEI SUOI ACQUERELLI.

La mostra è stata inaugurata a The Garrison Chapel at Chelsea Barracks a Belgravia, Londra, lo spazio espositivo dell’ente di beneficenza della The Prince’s Foundation, che ospita, fino al 14 febbraio 2022, la significativa collezione dell’opera del Principe.

La mostra contiene spazi dedicati agli acquerelli di Carlo, nati en plein air in molte aree geografiche, tra le quali le montagne scozzesi e la Tanzania, paese dell’Africa orientale, uno dei luoghi di pittura preferiti dal principe. Una sezione sulla Francia presenta prevalentemente scene della regione della Provenza.

blank

Una mostra precedente all’Hampton Court Palace, nel 1998, tenuta in occasione del 50° compleanno del principe, ha mostrato 50 dei suoi acquerelli, mentre la mostra della National Gallery of Australia nel 2018 per celebrare un altro importante compleanno di Sua Altezza Reale ha mostrato 30 pezzi.

Rosie Alderton, curando la mostra per The Prince’s Foundation, ha dichiarato: “Sua Altezza Reale ha detto in precedenza che gli piace dipingere en plein air, e che, per lui, scattare una fotografia non ha lo stessa forza espressiva di un dipinto. La sua passione per la creazione di belle opere d’arte è trasmessa con forza in questa mostra. ”

blank

In un pannello espositivo, il Principe del Galles scrive: “Ho iniziato a dipingere fondamentalmente perché trovavo la fotografia poco soddisfacente. Molto semplicemente, ho provato un impulso irresistibile ad esprimere ciò che vedevo attraverso il mezzo dell’acquarello e a trasmettere quel senso di realtà quasi “interiore” che è impossibile ottenere con la fotografia. Ho scoperto molto presto quanto sia incredibilmente difficile dipingere bene con un mezzo così spontaneo e la sensazione di frustrazione per non essere in grado di realizzare su carta l’immagine che il tuo occhio ti ha presentato è intensa”.

“Guardando indietro, ora, a quei primi schizzi che ho dipinto, sono sconvolto da quanto siano pessimi. Tuttavia, la cosa grandiosa della pittura è che stai dando la tua interpretazione individuale di qualunque scena tu abbia scelto. Poiché ti obbliga a sederti e fare un’osservazione attenta del soggetto selezionato, scopri molto di più su di esso che semplicemente puntando una fotocamera e puoi giungere a un risultato che probabilmente è quasi identico alla fotografia”.

blank

“Di conseguenza, diventi sempre più consapevole di cose che potrebbero essere sfuggite alla tua attenzione in precedenza, cose come la qualità della luce e dell’ombra, il tono e la trama, la forma degli edifici in relazione al paesaggio. Il tutto richiede la concentrazione più intensa e, di conseguenza, è uno degli esercizi più rilassanti e terapeutici che io conosca. Infatti, nel mio caso, non mi illudo che i miei schizzi rappresentino una grande arte o un talento nascente! Rappresentano, più di ogni altra cosa, la mia particolare forma di ‘album fotografico’ e, in quanto tali, significano molto per me”.

Il posto d’onore, in mostra, è l’interpretazione tessuta da Ben Hymers, come arazzo, di  un acquerello di Carlo che rappresenta l’Abandoned Cottage sull’isola di Stroma, in Scozia.

L’arazzo – realizzato in otto mesi di lavoro, è costituito da centinaia di diversi colori di filato e le punte dei camini dei cottage – in esso rappresentati – sono realizzati con lana naturale, non tinta, di pecora gallese Lleyn, una razza che il principe ha nella sua tenuta di Highgrove nel Gloucestershire.

La galleria è aperta, fino al 14 febbraio, sette giorni su sette dalle 11 alle 16 tranne il 25 gennaio e il 31 gennaio – 4 febbraio. L’ingresso è gratuito e non è necessario prenotare i biglietti in anticipo. The Garrison Chapel, Chelsea Barracks, 8 Garrison Square Londra, SW1W 8BG.

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!