Home / Pittura dell'ottocento / Pittura: la scuola veneziana dell’Ottocento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pittura: la scuola veneziana dell’Ottocento


di Francesca Baboni

I pittori non hanno animo di rompere le catene della tradizione, non hanno l’animo di guardare il vero in faccia”. Così Camillo Boito descrive i fenomeni culturali della Venezia di inizio Ottocento.
In quest’atmosfera stagnante e difficile (dopo il successo delle vedute settecentesche di Canaletto e Guardi) è Ippolito Caffi (1809-1866), intorno agli anni ’50, che coglie i primi elementi del vero, introducendo il gusto per il racconto e per la luce. Artista e personaggio romantico di grande fascino, tra i maggiori e più originali vedutisti dell’Ottocento italiano, assume una dimensione e un respiro europei che lo avvicinano a Corot e, in qualche modo, al contemporaneo Turner, suscitando, nella sua breve ma intensa vita, consensi ed ammirazione. Personalità forte ed inquieta, dallo spirito avventuroso, viaggiatore instancabile e patriota convinto, partecipa ai moti del 1848-49 e alla terza Guerra d’Indipendenza fino alla morte nel corso della battaglia di Lissa, a 57 anni, imbarcato nell’ammiraglia Re d’Italia. Nei suoi quadri Ippolito Caffi rinnova la grande tradizione del vedutismo veneto cercando di captare lo spazio e ricercando nuovi raccordi prospettici.


Ma è con Domenico Bresolin (1813-1900) che a Venezia viene impressa una svolta nella pittura di paesaggio. Titolare di cattedra all’Accademia, rivoluziona la didattica portando gli allievi, tra cui Guglielmo Ciardi, a dipingere en plein air. Sarà proprio il suo allievo Ciardi a creare una vera “scuola di pittura” veneziana, assieme a Giacomo Favretto, il più grande di tutti, Federico Zandomeneghi che andrà in seguito a Parigi, Luigi Nono, Ettore Tito e Pietro Fragiacomo, conosciuti e apprezzati come dei veri e propri maestri. Venezia da una parte e la campagna veneta dall’altra, diventano così i protagonisti della pittura, e il rapporto tra finzione e verità, immaginazione e fedeltà al vero, assume un significato nuovo che i pittori interpretano sulla scia della tradizione veneziana, nelle potenzialità di luce e di colore, ma con individualità e originalità.
Guglielmo Ciardi (1842-1917) studia nel collegio di Santa Caterina e all’Accademia di Belle Arti della sua città. Nel gennaio del 1868 lascia Venezia per un viaggio che lo porta prima a Firenze, al Caffè Michelangelo, dove incontra i macchiaioli e Nino Costa, poi a Roma e a Napoli dove lavora per diversi mesi a contatto con gli artisti della Scuola di Posillipo e della Scuola di Resina, oltre che con Filippo Palizzi. Ai primi del 1869 è di nuovo a Venezia e diventa personalità importante nell’ambito del paesaggismo europeo; celebri sono difatti le sue Lagune e la profondità degli orizzonti. Affermando come la pittura d’accademia sia ormai da buttare, aderisce alle tendenze macchiaiole acquisendo uno straordinario senso della luce e del colore.




La bibliografia del veneziano Giacomo Favretto (1849-1887) è piuttosto scarna. I primi insegnamenti gli furono impartiti dal conte Antonio de’ Zanetti, e dallo zio di questi, Gerolamo Astolfoni. I suoi schizzi giovanili sono notati da un certo Vincenzo Favenza, antiquario, che li ammira a tal punto da insistere col padre del giovane ed ottenere che gli assicuri un’educazione artistica. Dopo un esperimento presso lo studio di Antonio Vason, dove apprende le prime nozioni di pittura, Favretto entra quindi all’Accademia di Belle Arti. Scrive Boito nel 1874: “Nei veneti ci sono due novellini eccellenti, Giacomo Favretto e Luigi Nono…”. Favretto si pone a Venezia così come il maggiore artefice, l’iniziatore della pittura del “vero”; notissimo è il suo capolavoro del 1873, La lezione di anatomia, conservata ora a Milano presso la Pinacoteca di Brera, in cui si avvicina alle modalità della “macchia” utilizzando rapporti cromatici e di prospettiva del tutto nuovi. Nel 1884 invia all’Esposizione di Torino cinque quadri, che ottengono un lusinghiero successo di critica e pubblico. La sua breve carriera termina durante l’Esposizione di Venezia del 1887, che segna per lui un vero trionfo. Non riesce a scampare alla febbre tifoide e muore il 12 giugno dello stesso anno.
Luigi Nono (Fusina 1850-Venezia 1918), nonno del famoso compositore, è un altro importante esponente della scuola veneziana dell’Ottocento. Allievo di Pompeo Molmenti all’Accademia di Belle Arti di Venezia, concluso l’apprendistato accademico, dipinge vedute della campagna trevigiana e scene di genere: predilige temi intimi e effetti sentimentali (come in Verso sera a Coltura, 1873; Bambino malato, 1876). Si reca a Firenze, Roma e Napoli nel 1876, nel 1878 è a Parigi e a Vienna. Vicino ai pittori di Barbizon e ai naturalisti francesi di metà secolo, è spesso a Venezia a partire dal 1879 e si trasferisce definitivamente nella città lagunare nel 1888: nominato professore nel 1899, contribuisce, con Favretto, all’affermazione della nuova scuola di pittura veneziana. Apprezzato in Italia e all’estero, particolarmente in ambito mitteleuropeo, espone a Monaco, Berlino, Pietroburgo, ottenendo importanti riconoscimenti. Prende parte con regolarità alle Biennali veneziane. Nell’opera Il rosario del sabato, ci mostra la pietà popolare di un intero paese, per la preghiera del sabato sera. I devoti hanno il colore e la struttura della pietra con cui sono costruite le case fino a confondersi: immagine dell’unità del popolo con l’ambiente di vita e con la natura. Solo un uomo, è in disparte, in ozio. I connotati simbolici e politici di quest’opera sono evidenti, considerati i tempi infuocati in cui è grande il cambiamento di mentalità e condizione nell’ambiente cittadino e rurale.
Federico Zandomeneghi nasce a Venezia nel 1841 ed è ospite di Diego Martelli, frequentatore del Caffè Michelangelo di Firenze e teorico della poetica macchiaiola, nella tarda primavera del 1865, epoca alla quale risale l’esecuzione di uno dei suoi capolavori, La lettura, nel quale effigia la compagna del critico, Teresa. Rientrato a Venezia nel 1866, si allontana fisicamente dagli amici Macchiaioli, dei cui progressi si tiene però costantemente informato. Soggiorna lungamente a Castiglioncello nell’inverno 1873-74, realizzandovi una figura di Portatrice con gerla in capo, sullo sfondo delle alture di Rosignano Marittimo. Nel giugno del 1874 lascia definitivamente l’Italia per stabilirsi a Parigi dove rimarrà per ben quarantatré anni, fino alla morte. Nel 1878 inizia a partecipare alle esposizioni impressioniste. Il 31 dicembre del 1917 viene trovato morto nella sua casa, pochi mesi dopo la scomparsa dell’amico Degas. L’opera di Zandomeneghi, dal taglio profondamente originale, si presta a diverse letture critiche. Da una parte viene considerato un artista esclusivamente “italiano”, ponte tra Venezia e i Macchiaioli; dall’altra, invece, egli è fatto rientrare nel capitolo dell’impressionismo, con la sua forte appartenenza al movimento (espone con gli impressionisti dal ’74), senza peraltro mai smentire le sue radici veneziane.
Ultima personalità del gruppo – ma non meno importante – degna di attenzione è quella di Pietro Fragiacomo (Trieste 1856-Venezia 1922), paesaggista elegiaco e tonale, sicuro punto di riferimento per la grande pittura veneta di paesaggio tra Otto e Novecento.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Doganiere Rousseau quotazioni, gratis il valore delle opere

Nubi, nuvole e cielo nell’arte – Nei quadri indicano i cambiamenti della visione del mondo

218 Condivisioni
Condividi218
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp