Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Acquisito dagli Uffizi busto romano del I secolo a. C. mentre inizia programma sulle acconciature imperiali

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

CRESCE LA RACCOLTA DEI RITRATTI DI EPOCA ROMANA DEGLI UFFIZI: ENTRA IN COLLEZIONE
UN PREZIOSO BUSTO IN MARMO DEI TEMPI
DI GIULIO CESARE

L’opera, risalente al I secolo a. C., è stata consegnata dal Ministero della Cultura agli Uffizi, dove è ora esposta al secondo piano.

E dal 17 al 19 giugno tornano le Giornate Europee dell’Archeologia: il museo partecipa con un progetto sulle acconciature di famose imperatrici, da Livia, moglie di Augusto, a Faustina Maggiore, zia di Marco Aurelio
blank

blank

blank

L’espressione accigliata, il collo teso, le ciocche dei capelli scomposte, ad incorniciare un perfetto ovale alla greca: sono i tratti dell’ultima preziosa opera giunta ad arricchire la raccolta dei ritratti di epoca romana delle Gallerie degli Uffizi, tra le maggiori collezioni di questo tipo in Europa. Si tratta del busto in marmo, risalente alla seconda metà del I sec. a.C, di un importante personaggio pubblico. Non se ne conosce il nome, ma sicuramente l’uomo doveva essere un ammiratore delle correnti più vitali e innovative della ritrattistica del suo tempo. L’impostazione della testa è dinamica e potente, lo stile scultoreo crea forti zone d’ombra sulle superfici, accentuando gli effetti drammatici dell’espressione: sono elementi ispirati ai ritratti ellenistici dell’Egitto e della Siria. Non è improbabile che il personaggio raffigurato fosse un ricco commerciante, abituato a viaggiare attraverso il Mediterraneo orientale e dunque conoscitore della cultura greca. L’opera, una rilevante testimonianza degli anni turbolenti di Giulio Cesare e Ottaviano, era in vendita; è stata segnalata da Michele Bueno, funzionario archeologo della Soprintendenza fiorentina al Ministero della Cultura, che ha esercitato il diritto alla prelazione acquisendola al patrimonio dello Stato. Un antico tesoro viene così restituito al godimento di tutti: il busto infatti da oggi è esposto agli Uffizi, al secondo piano della Galleria delle Statue e delle Pitture.

Intanto, tornano dal 17 al 19 giugno le Giornate Europee dell’Archeologia: le Gallerie, oltre che con questa preziosa acquisizione, vi partecipano, ‘in onda’ sulla loro pagina Facebook, presentando un progetto dedicato alle acconciature di famose imperatrici: da Livia, moglie di Augusto e modello di tradizione, alle principesse Flavie, simbolo dello stile della nuova dinastia, passando per Faustina Maggiore, moglie di Antonino Pio e zia di Marco Aurelio.

blank

blank

L’iniziativa offrirà dunque l’occasione per avvicinarsi al mondo antico in modo anticonvenzionale, seguendo uno delle pratiche più comuni alla cura della persona, la pettinatura, considerata nella Roma antica – e ancora oggi – un vero e proprio mezzo di comunicazione. Mani e volti mostrati nei video appartengono alle allieve delle classi 3H e 3I dell’Istituto di istruzione superiore Elsa Morante-Ginori Conti (Istituto Nicolodi) di Firenze; il percorso è completato da un ironico dibattito in latino parlato, con Novella Lapini e Alessandro Muscillo a dare voce ai busti antichi di Ovidio e Saffo, sul ruolo centrale dei capelli nella bellezza femminile.

Il direttore degli Uffizi Eike Schmidt: “Celebriamo queste giornate europee dell’archeologia in maniera “classica” – esponendo un’importante opera, da pochi giorni diventata patrimonio pubblico – e “anticlassica”, dedicando alcuni video alla realizzazione di pettinature delle più celebri imperatrici romane. La ricerca, condotta da ragazzi delle scuole superiori sotto la direzione di studiosi degli Uffizi, avvicina l’antichità ai giorni nostri, invitando tutti a guardare con occhi nuovi e curiosi opere che altrimenti sarebbero appannaggio degli addetti ai lavori”.

Curatela del progetto: Curatela del progetto: Novella Lapini, Silvia Barlacchi (con la consulenza di Laura Buccino)

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!