Home / News / Alfredo Premoli, le opere dell’architetto che disegnò la Fiat
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Alfredo Premoli, le opere dell’architetto che disegnò la Fiat

Alfredo Premoli (Brescia, 1876- Lanzo Torinese, 1967) fu un importante architetto italiano nell’ambito Liberty e Dèco. Tra i suoi progetti più significativi, il primo stabilimento della Fiat a Torino. E’ fratello maggiore di Rodolfo Premoli, pittore che si formò all’Accademia di Torino.

Figlio di un falegname, Alfredo frequento a Brescia la scuola Moretto – un istituto professionale che ebbe una notevole funzione sociale – dove ricevette i primi rudimenti dall’architetto Arcioni;  poi, grazie al legato Brozzoni, l’ingente lascito di un collezionista a favore di giovani bresciani che volevano intraprendere la carriera artistica, ebbe la possibilità di iscriversi alla facoltà di architettura e all’Accademia di Torino (1898), unendo così la propensione artistica all’applicazione nell’ambito delle costruzioni. Premoli, durante gli anni di formazione, ebbe già modo di segnalarsi per un’ottima capacità disegnativa, come dimostrano le opere realizzate nell’ambito dei rilievi del restauro del Broletto, edificio medievale bresciano, che, in epoca comunale e prima della costruzione della Loggia, era stato sede della municipalità. Con otto tavole dedicale a quell’intervento,  vinse così il primo e il secondo premio internazionale, nell’ambito di un concorso organizzato a Torino.

La laurea giunge nel 1900. Nel 1904, anno dell’Expo bresciana, allestita in castello,  venne esposto un suo progetto per la decorazione della Mole antonelliana, nonchè un dettaglio acquerellato che era stato già stato oggetto di un secondo premio in un concorso internazionale e che lo rivelò ai concittadini come squisito acquerellista. Proprio in quel periodo l’architetto bresciano era stato chiamato da Giovanni Agnelli a progettare e ai dirigere i lavori per la realizzazione del primo stabilimento della Fiat, che sorta nel 1899, non aveva ancora uno spazio totalmente proprio. I lavori si svolsero tra il 1904 e il 1906 in via Dante Alighieri, quando fu consegnato l’opificio, con l’annessa scuola allievi. Nell’edificio industriale torinese, Premoli contemperò le citazioni del liberty con l’immagine della solidità che doveva essere offerta, anche sotto il profilo visivo dalla sede operativa dell’impresa. Pertanto contenne l’esuberanza floreale, applicandola con elegante moderazione, pur celebrando con elementi decorativi la cimasa dove era stato collocato il nome dell’azienda, acronimo caratterizzato da una grande linearità.

In una foto d'epoca, la facciata liberty del primo stabilimento della Fiat a Torino, progettato nel 1903 dall'architetto bresciano Alfredo Premoli. Oggi l'edificio è un loft

In una foto d’epoca, la facciata liberty del primo stabilimento della Fiat a Torino, progettato nel 1903 dall’architetto bresciano Alfredo Premoli. Oggi l’edificio è un loft

 

Il reparto bulloneria dello stabilimento Fiat. Premoli previde ampie finestre per garantire luce naturale

Il reparto bulloneria dello stabilimento Fiat. Premoli previde ampie finestre per garantire luce naturale

 

Nonostante per lavoro risiedesse a Torino, fu chiamato dalla sua città d’origine a redigere un progetto di trasformazione della Crociera di San Luca – antico ospedale bresciano – in una galleria di passeggio e commerci, con un’annessa piscina. Fu uno dei numerosi progetti, riguardanti quel comparto, che restarono nel cassetto, in quanto la sistemazione e l’individuazione di destinazione d’uso della Crociera è tuttora un quesito aperto per Brescia. Il giovane architetto poteva comunque contare su importanti contatti sviluppati grazie a una spiccata sensibilità artistica – lo schizzo di una cancellata liberty vinse il primo premio del concorso promosso dalla rivista “Memorie di un architetto. La crescita della Fiat procedeva di pari passo con la notorietà del progettista del suo stabilimento. Premoli venne così chiamato a Milano per la progettazione della sede dell’Automobil club.

Essendogli riconosciute intense capacità interpretative del Liberty, nel 1911 venne incaricato di dirigere l’Ufficio tecnico del Comune di Torino nell’ambito dell’Esposizione e, due anni, dopo l’ente municipale gli affidò il progetto di allargamento di via Roma. Intensa fu l’attività di libero professionista esercitata in tutta Italia. Durante la prima guerra mondiale gli fu affidato l’incarico di configurazione – nell’Italia settentrionale – di tutti i campi di  volo dell’aviazione militare italiana che debuttava in condizioni operative. Nel 1920 lavorò alla chiesa bresciana di Santa Maria della Vittoria – nell’attuale via Cremona -,uno dei tre Templi votivi cittadini, nati a seguito di un voto espresso nell’aprile del 1917 dalla Chiesa bresciana sull’onda emotiva suscitata dall’immane conflitto mondiale allora in corso (e Brescia era prossima alla linea del fuoco) , luoghi di culto considerati necessari all’assistenza spirituale nella periferia della città. I fondi furono raccolti con una sottoscrizione popolare e  la prima pietra dell’edificio progettato da Premoli fu posata il 3 ottobre 1920 ma, la costruzione del tempio poté iniziare solo poco meno di due anni dopo e fu limitata – per motivi economici – alle sole due prime “campate”, partendo dalla facciata (poi estesa a una terza campata, dall’estate del 1924).

Disegni acquerellati di Premoli allegati alla progettazione di Santa Maria della Vittoria, a Brescia (1919)

Disegni acquerellati di Premoli allegati alla progettazione di Santa Maria della Vittoria, a Brescia (1919)

 

La chiesa di Santa Maria della Vittoria, in un foto d'epoca, in via Cremona, a Brescia

La chiesa di Santa Maria della Vittoria, in un foto d’epoca, in via Cremona, a Brescia

L’architetto firmò numerosi altri edifici in Italia e nel 1936 la casa di cura di Desenzano del Garda. Accanto all’attività professionale, Premoli accostò un’esplorazione attenta della realtà attraverso dipinti,  realizzati soprattutto ad acquerello, nei quali alterna la precisione del vedutista a impressioni paesaggistiche improntate al colorismo più puro di matrice impressionista.

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Politica e pittura. Il Papa schiacciato da Napoleone e dal pittore David. Il punto di vista delle scene

Osserviamo i capolavori di Palazzo Zevallos Stigliano, tra i quali Il Martirio di Sant’Orsola del Caravaggio. Video

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp