Home / News / Angelo Landi – La scritta sul ritratto di Carlo Banali, aviatore della Prima guerra mondial
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Angelo Landi – La scritta sul ritratto di Carlo Banali, aviatore della Prima guerra mondial

Angelo Landi, Ritratto di Dario Banali, 1919, olio su tela.

E’ riassunto in un ritratto inedito il lungo rapporto con il maestro Carlo Banali (1859-1944), dal quale Angelo Landi trasse non solo i primi rudimenti di quella pittura che poi divulgò oltre il territorio bresciano. La rispettosa amicizia è testimoniata da una scritta di dedica dai toni più che reverenti, nel momento drammatico in cui Banali perse tragicamente il terzo dei suoi figli. E lungo la via della reciproca simpatia si svilupparono un’intensa familiarità ed un legame emotivo che perdurarono sino alla morte dei due artisti, dalla quale furono colti, per gioco del destino, nello stesso anno, a pochi mesi di distanza l’uno dall’altro.

Landi era stato caporale, chiamato alle armi come addetto stampa per il Comando Supremo Militare. Un periodo nel quale eserciterà la sua forte propensione ad una pittura di estremo realismo. Il realismo “landiano” è vivo e ben consolidato in alcune centinaia di opere, disegni, carboncini, olii, pastelli, che dipinse in quel lungo periodo passato al fronte, tra le trincee del Carso, del Cadore e del Brenta, fino a Caporetto. E’ in questa atmosfera, anche drammatica, che nascono due tavole che Angelo Landi eseguì dopo il suo ritorno dal fronte (1918) e che dedicò, a memento (in seguito alla scomparsa del figlio del suo maestro), a Carlo Banali. Un bozzetto, il primo, in cui si evince, dal colore, la divisa verde del soldato. Più intenso e sentito il secondo, che oggi, grazie al laboratorio dell’Osservatorio d’Opera di Brescia, vive di nuova luce, e che può essere collocato tra gli esempi più avanzati della produzione ritrattistica del pittore. Qui non c’è interferenza di alcun committente, nessuna sovrapposizione o disturbo nel delineare, a memoria, i tratti fisionomici di Dario Banali, amico di Landi, che nel dipinto risorge attraverso la fluidità di un colore i cui i toni diventano materia preponderante della forma. Poi la sua dedica, testimonianza di un rapporto emotivamente e moralmente alto: “al mio vecchio maestro Carlo Banali, con amore (cuore), il ricordo del suo ometto più forte”. L’ometto era il compianto, giovane Dario. La scritta è stata resa leggibile dal lavoro di restauro, dall’uso dell’infrarosso, e di alcuni ingrandimenti fotografici che hanno consentito di comprenderne appieno il significato. Il quadro catapulta l’effigiato in primo piano a fronte di un cielo ad unica macchia blu tagliato, a linee futuristiche, sia da una screziatura di nuvola bianca che dalla struttura, abbozzata, dell’aereo sul quale volava (dannunzianamente) il militare, in una postura che, se la scritta non fosse così evidente ed esplicita, rinvierebbe alla figura del Vate.



Rispetto ai consueti ritratti, sicuramente tardo-ottocenteschi e avvicinabili al romanticismo di Tranquillo Cremona piuttosto che del Carcano, l’artista giunge qui a rifiutare ogni tradizione pittorica in nome di un’espressione rivoluzionaria. Interessante sarebbe porre l’attenzione su una parte della vita e dell’attività di Angelo Landi ancora inedita. Si tratta dei rapporti epistolari, intensi, che ebbe sia con i suoi conterranei ed i colleghi pittori, che con la gente dei luoghi in cui soggiornò. Fanno pensare le numerose lettere che da Roma egli spediva sulle sponde del lago per tener vivi i contatti con una terra che mai abbandonò; fa ancor più pensare la fitta corrispondenza che da Pompei, dove decorò la cupola del Santuario, l’artista spediva per fare il punto della situazione rispetto ai lavori intrapresi. Ancora molto da scoprire e da aggiungere, insomma. E il Landi più noto andrebbe confrontato con certi passaggi di alta modernità (come nel caso del dipinto qui presentato), i quali dovrebbero essere correttamente evidenziati per una valutazione globale del suo percorso.

Fotografia agli infrarossi della dedica di Landi a Carlo Banali

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Perchè e quando i pittori iniziarono a firmare le proprie opere. Claude Monet e la sua grafia

Perchè Renoir dipingeva con i colori gioiosi della porcellana di Limoges? Cosa significa paletta?

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp