Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Archeologia criminale. Dal fiume veneto in secca riemergono le casseforti della Mala del Brenta

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Un pescatore che stava percorrendo la riva del fiume-idrovia Padova-Venezia si è imbattuto in quattro casseforti, venute alla luce grazie alla siccità e all’abbassamento del livello dell’acqua. L’avvistamento è avvenuto nel territorio di Vigonovo, un comune di circa 10mila abitante facente parte della città metropolitana di Venezia.

I parallelepipedi presentavano visibile un solo lato perchè gli altri erano sprofondati nella sabbia e nella terra. L’ampliamento temporaneo della riva – conseguente alla diminuzione del volume dell’acque – li ha fatti riapparire.
Si ritiene che i forzieri siano stati gettati in quel punto, più di 30 anni fa dalla Mafia del Brenta, un’associazione per delinquere veneta che aveva seminato terrore nella regione e che era ritenuta impareggiabile per determinazione criminale e spietatezza.

Le casseforti sono state trovate a non molta distanza dal cimitero d’acqua d’acqua del Brenta utilizzato dalla mala per far sparire auto roventi, che venivano fatte scivolare nello stesso punto dopo rapine, furti e regolamenti di conti. Il ritrovamento delle vetture – alcune delle quali crivellate di colpi d’arma da fuoco, risale ad alcuni anni fa. Le macchine – una cinquantina – formavano una sorta di piramide tronca. Essendo state fatte cadere nel fiume dallo stesso affaccio sul fiume, si presentarono sovrapposte. Anche in quel caso fu una diminuzione del livello del corso d’acqua a denunciare la presenza del cimitero di carrozzerie. L’allarme fu dato quando dalla riva fu avvistato il tettuccio di un veicolo.

blank

La zona doveva essere considerata dai banditi un punto molto tranquillo. I furti di casseforti avvenivano con lo smantellamento dell’intero blocco , la rimozione del forziere, il caricamento dello stesso su un furgone. I banditi trasportavano poi le casseforti in qualche capannone per aprirle con la fiamma ossidrica e il flessibile. Segni di tali interventi sarebbero rimasti sui “reperti” portati alla luce nelle scorse ore in Veneto.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!