Home / architettura / Architettura alpina, tra utopia novecentesca e nuovi progetti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Architettura alpina, tra utopia novecentesca e nuovi progetti

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Adolf Loos, Hotel per sport invernali sul Semmering, foto del modello originale esposto al Salon d'Automne di Parigi nel 1920

Adolf Loos, Hotel per sport invernali sul Semmering, foto del modello originale esposto al Salon d’Automne di Parigi nel 1920

 

Bruno Taut, Architettura Alpina, Cattedrale di cristallo sul Monte Resegone, 1919

Bruno Taut, Architettura Alpina, Cattedrale di cristallo sul Monte Resegone, 1919

 

Fernand Ottin, progetto di laurea, Prospettive del solarium, 1946

Fernand Ottin, progetto di laurea, Prospettive del solarium, 1946

22 progetti di architetture possibili nel contesto della regione alpina ideati nel corso degli ultimi 100 anni da grandi esponenti dell’architettura internazionale.
I progetti sono stati selezionati indipendentemente dal fatto d’esser stati effettivamente realizzati.
L’eterogeneità della proposta si fonda su una selezione degli esempi ritenuti più interessanti e visionari e comprende progetti di architetture che vanno dalla colonia del Monte Verità (1900), ai sanatori, agli alberghi, alle stazioni della funivia pensati da noti architetti quali Adolf Loos, Marcel Breuer, Bruno Taut, Franz Baumann, Henry Jacques Le Même, Jean Prouvé, Charlotte Perriand, fino a ricomprendere il recente progetto per un bivacco d’alta quota di Ross Lovegrove (2009).
Tra i progetti di architetti italiani: la “Torre Balilla di Sauze d’Oulx, Colonia montana FIAT (1937) di Vittorio Bonadè Bottino e il progetto della stazione della funivia al Furggen, Breuil-Cervinia, Valle d’Aosta (1950-53) di Carlo Mollino. Progetto messo a punto ma non effettivamente realizzato quello per la rete funiviaria sulle Dolomiti (1941-42) di Gio Ponti.

Un plastico delle Alpi introdusse, in una bella mostra meranese curata dall’architetto Susanne Stracheril tema dell’architettura utopica nel contesto alpino (“Alpi, luoghi da sogno
proiezioni e progetti utopici”). Non mancarono le contestualizzazioni culturali che da Petrarca, proseguono con Burnet, Shaftesbury, Haller, Rousseau, Goethe, Burke, Nietzsche, Chateaubriand, sino ad arrivare a Bruno Taut. Gio Ponti, progetto per una funivia nelle Dolomiti, da Bolzano, passando per Ortisei, fino a Cortina, Italia, 1941-1942

Gio Ponti, progetto per una funivia nelle Dolomiti, da Bolzano, passando per Ortisei, fino a Cortina, Italia, 1941-1942

 

Gio Ponti, progetto per una funivia nelle Dolomiti, da Bolzano, passando per Ortisei, fino a Cortina, Italia, 1941-1942

Lois Welzenbacher, Colonia Ehlert, Hindelang, Allgäu, Germania, 1931-1933

 

Vittorio Bonadè Bottino, Colonia Fiat, Torre Balilla, Sauze d'Oulx, Val di Susa, Italia, 1937

Vittorio Bonadè Bottino, Colonia Fiat, Torre Balilla, Sauze d’Oulx, Val di Susa, Italia, 1937

 

Vittorio Bonadè Bottino, Colonia Fiat, Torre Balilla, Sauze d'Oulx, Val di Susa, Italia, 1937

Vittorio Bonadè Bottino, Colonia Fiat, Torre Balilla, Sauze d’Oulx, Val di Susa, Italia, 1937

 

Vittorio Bonadè Bottino, Colonia Fiat, Torre Balilla, Sauze d'Oulx, Val di Susa, Italia, 1937

Vittorio Bonadè Bottino, Colonia Fiat, Torre Balilla, Sauze d’Oulx, Val di Susa, Italia, 1937

Architettura alpina, architettura per il turismo, oppure turismo d’architettura nelle Alpi sono varie sfaccettature di un unico argomento: l’Architettura, ovvero l’essenza di un’opera edilizia, il suo specifico essere, ciò che generalmente non si perde nemmeno con l’andare degli anni.
È partendo da questo assunto che si spiega la longevità dell’architettura alberghiera di pregio: se la buona architettura del ‘900 è apprezzata ancor oggi, si può allo stesso modo presumere che la buona architettura dei nostri giorni manterrà il proprio valore anche fra cent’anni.
La casistica di architetture per il turismo spazia dalla semplice pensione all’albergo più illustre, passando dagli impianti di risalita fino alle sculture d’architettura di Passo Rombo. L’architettura per il turismo, infatti, non si può circoscrivere ai soli esercizi ricettivi, ma abbraccia anche tutto quell’insieme di interventi riassunti nella definizione di “paesaggio del turismo”. Nessun altro settore economico incide così profondamente nel quadro paesaggistico, con conseguenze positive ma anche con risvolti inquietanti. D’altro canto, se da un lato si teme spesso per la salvaguardia del delicato ambiente d’alta quota, dall’altro è pur merito del turismo se molti insediamenti sopra una certa quota riescono ancora a sopravvivere.Cabinovia Dantercepies, Selva di Val Gardena, 2013, Arch. Rudolf Perathoner, Selva di Val Gardena. Progetto preparatorio con l'Arch. Armin Kostner. Statica Studio ARDOLINO, Bolzano. Cabinovia, Leitner Ropeways, Vipiteno.

Cabinovia Dantercepies, Selva di Val Gardena, 2013, Arch. Rudolf Perathoner, Selva di Val Gardena. Progetto preparatorio con l’Arch. Armin Kostner. Statica Studio ARDOLINO, Bolzano. Cabinovia, Leitner Ropeways, Vipiteno.

 

 

Hotel Residence Pergola, Lagundo, 2002-04, Arch. Matteo Thun, Milano. Proprietario: Josef Innerhofer. Foto: Robert Fleischhanderl

Hotel Residence Pergola, Lagundo, 2002-04, Arch. Matteo Thun, Milano. Proprietario: Josef Innerhofer. Foto: Robert Fleischhanderl

 Seehotel Ambach, Caldaro, 1972-73, Arch. Othmar Barth, Bressanone. Proprietario: Klaus Maran. Foto: Rene Riller


Seehotel Ambach, Caldaro, 1972-73, Arch. Othmar Barth, Bressanone. Proprietario: Klaus Maran. Foto: Rene Riller

 

Funivia Merano 2000, 2010, Arch. Roland Baldi, Bolzano. Costruttore: Funivie Merano 2000 spa. Foto : Oskar Da Riz

Funivia Merano 2000, 2010, Arch. Roland Baldi, Bolzano. Costruttore: Funivie Merano 2000 spa. Foto : Oskar Da Riz

 

Hotel Pupp, Bressanone, 2011, Studio di architettura Bergemeisterwolf, Arch. Christian Schwienbacher, Bressanone. Intervento artistico di Esther Stocker. Proprietari: Christian e Martin Pupp. Foto: Jürgen Eheim

Hotel Pupp, Bressanone, 2011, Studio di architettura Bergemeisterwolf, Arch. Christian Schwienbacher, Bressanone. Intervento artistico di Esther Stocker. Proprietari: Christian e Martin Pupp. Foto: Jürgen Eheim

 

 Hotel Weißes Kreuz e dependance Ansitz zum Löwen, Burgusio, 2010-13, Studio di architettura Marx/ Ladurner, Stephan Marx e Elke Ladurner, Silandro. Proprietari: Thomas e Joachim Theiner. Foto: Rene Riller


Hotel Weißes Kreuz e dependance Ansitz zum Löwen, Burgusio, 2010-13, Studio di architettura Marx/ Ladurner, Stephan Marx e Elke Ladurner, Silandro. Proprietari: Thomas e Joachim Theiner. Foto: Rene Riller

 

La Pedevilla, Marebbe, 2013, Pedevilla Architects, Armin e Alexander Pedevilla, Brunico, Arch. Caroline Willeit, Gais. Proprietari: Armin Pedevilla e Caroline Willeit. Foto: Ludwig L. Willeit

La Pedevilla, Marebbe, 2013, Pedevilla Architects, Armin e Alexander Pedevilla, Brunico, Arch. Caroline Willeit, Gais. Proprietari: Armin Pedevilla e Caroline Willeit. Foto: Ludwig L. Willeit

 

Ottmangut, Suite & Breakfast, Merano, 2010-2012, Progetto e proprietari, Georg, Clemens und Martin Kirchlechner. Foto: Rene Riller

Ottmangut, Suite & Breakfast, Merano, 2010-2012, Progetto e proprietari, Georg, Clemens und Martin Kirchlechner. Foto: Rene Riller

 

Parkhotel Holzner, Soprabolzano/Renon,1907: Costruttori Musch & Lun, Merano. Progetto dello Studio di architettura Fratelli Ludwig, Monaco di Baviera (1911, non realizzato). Area wellness 2006-07

Parkhotel Holzner, Soprabolzano/Renon,1907: Costruttori Musch & Lun, Merano. Progetto dello Studio di architettura Fratelli Ludwig, Monaco di Baviera (1911, non realizzato). Area wellness 2006-07

 

Parcheggio della Cabinovia Siusi-Alpe di Siusi, Siusi allo Sciliar, 2013, Arch. Lukas Burgauner, Bolzano. Costruttore: Silbernagl Anton & Co. KG, Silbernagl snc, Cabinovia Siusi - Alpe di Siusi spa. Foto: Alex Filz

Parcheggio della Cabinovia Siusi-Alpe di Siusi, Siusi allo Sciliar, 2013, Arch. Lukas Burgauner, Bolzano. Costruttore: Silbernagl Anton & Co. KG, Silbernagl snc, Cabinovia Siusi – Alpe di Siusi spa. Foto: Alex Filz

 

 Parkhotel Laurin, Bolzano, 1909-10, Studio di architettura Fratelli Ludwig, Monaco di Baviera. Ciclo di affreschi realizzati nel 1911 da Bruno Goldschmitt, Monaco di Baviera. Proprietario: Franz Staffler, Foto: Annette Fischer


Parkhotel Laurin, Bolzano, 1909-10, Studio di architettura Fratelli Ludwig, Monaco di Baviera. Ciclo di affreschi realizzati nel 1911 da Bruno Goldschmitt, Monaco di Baviera. Proprietario: Franz Staffler, Foto: Annette Fischer

 

Saleghes Mountain Residence, 2010-13, Archilab Architetti - Hannes Ladstätter, Stefan Taschler e Sarah Gasparotto, Brunico. Proprietari: Ursula Sotriffer e Oskar Delazer. Foto: Marion Lafogler

Saleghes Mountain Residence, 2010-13, Archilab Architetti – Hannes Ladstätter, Stefan Taschler e Sarah Gasparotto, Brunico. Proprietari: Ursula Sotriffer e Oskar Delazer. Foto: Marion Lafogler

 

 Residence Königswarte – Strata Hotel, Sesto / Moso, 2006-07, Plasmastudio, Arch. Ulla Hell, Sesto/ Moso. Proprietaria: Judith Rainer. Foto: Cristobal Palma


Residence Königswarte – Strata Hotel, Sesto / Moso, 2006-07, Plasmastudio, Arch. Ulla Hell, Sesto/ Moso. Proprietaria: Judith Rainer. Foto: Cristobal Palma

 

 Sculture architettoniche lungo la strada del Passo Rombo, 2010, Arch. Werner Tscholl, Morter. Costruttore: Timmelsjoch Hochalpenstraßen spa, Comune di Moso in Passiria, Provincia Autonoma di Bolzano, Regione


Sculture architettoniche lungo la strada del Passo Rombo, 2010, Arch. Werner Tscholl, Morter. Costruttore: Timmelsjoch Hochalpenstraßen spa, Comune di Moso in Passiria, Provincia Autonoma di Bolzano

 

Virgilius Mountain Resort, San Vigilio,2003, Arch. Matteo Thun, Milano. Proprietario: Ulrich Ladurner. Foto: Brison

Virgilius Mountain Resort, San Vigilio,2003, Arch. Matteo Thun, Milano. Proprietario: Ulrich Ladurner. Foto: Brison

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

I bronzi Rothschild sono davvero di Michelangelo? Cambridge dice sì. Ma il dibattito sarà acceso

Bordalo II, splendide sculture con i rifiuti. Dalla Spagna a Parigi, la nuova street art con oggetti. Video