Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Arvin Golrokh, quando la pittura esplora senza pregiudizi i templi della Scienza

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

xxxxxxxxxxxxxxxx
blank
Arvin Golrokh
Premio Nocivelli 2019
Sezione pittura – Secondo posto
De Medici, 2018, olio su tela
80×100 cm
www.premionocivelli.com/opera/de-medici
“La storia della sopravvivenza si è trasformata nella storia della divisione del lavoro. La medicina come una guida scientifica si è connessa a questo movimento che combatte da secoli la morte. Il potere medico definisce il corpo, la malattia, la morte e l’urgenza. La medicina in un rapporto ristretto con il potere che domina la popolazione ha preso un prestigio distinto. Però la sala operatoria attuale sembra lo spazio tragico di questa brama alla sopravvivenza, uno spazio del degrado e contemporaneamente del decoro”. L’autore
Iniziamo con una breve scheda anagrafica, come se leggessimo una carta d’identità. Sotto il profilo della produzione artistica puoi immediatamente specificare il suo orientamento stilistico ed espressivo?
blankNato in Tehran nel 1992, mi sono trasferito a Torino nel 2012 per studiare pittura all’Accademia Albertina di Torino. Nel 2019 ho conseguito il diploma accademico di secondo livello in pittura e arti visive. Da circa due anni lavoro in un spazio, in una collettività artistica. in Cavallerizza Irreale a Torino.
La mia formazione stilistica viene da un processo lento di evoluzione durante il mio percorso accademico, con contaminazioni da artisti contemporanei quali Adrian Ghenie, Justin Mortimer e Felipe Alonso. Col tempo ho cominciato a studiare come le forme conosciute all’occhio umano interagiscono con forme astratte creando un’immagine imprevedibile, difficile da riconoscere, rallentando il tempo per l’osservatore.
Partendo dalle motivazioni della giuria sulla tua opera, puoi raccontarci in modo più personale i temi i contenuti della tua opera, descrivendo le modalità operative usate nella sua realizzazione?
La ricerca di denaro,e lo sviluppo tecnico-scientifico, la industrializzazione massiccia e la tecnocrazia sono di solito i temi che tratto. Nei miei lavori ho cercato di riprendere questi miei pensieri partendo dalla critica alla società da una parte e dall’altra, dal paragone tra presente e passato. Qui ho messo in evidenza aspetti caratterizzanti delle classe borghese. Questi ultimi sembrano fluttuare dentro ambienti astratti a simboleggiare la solitudine e competitività oppure la paradossale assenza di comunicazione che padroneggia la nostra epoca, rappresentata da un’esplosione atomica come per simboleggiare un’autodistruzione della società, incapace di stabilire dei limiti, di non sapersi mai accontentare e finendo così per entrare in una situazione di ansia perenne auto-indotta. Per quanto riguarda la storia affronto il tema cercando di ricollegare il cambiamento tra passato e presente con miti che si sono tramandati nel tempo, cercando poi di fondere i due punti di vista tramite escamotage, ricreando una linea temporale dove il passato si incontra con il futuro. Per ciò che riguarda il mio processo creativo, personalmente, utilizzo molto fotografie che frantumò e decompongo usando photoshop e collage per creare una nuova sintonia visiva ed una nuova potenza nell’immagine, fino a farla diventare l’idea di quello che era all’inizio.
Se potessi dare un consiglio ad altri giovani artisti che stanno valutando di partecipare ad un concorso quale sarebbe?
In passato, dal punto di vista storico e sociale, i concorsi non erano usuali per gli artisti ma invece per questa epoca odierna che i meccanismi sociali si sono trasformati in aspetti come competitività aggressiva, consumismo e mercificazione dell’opera d’arte rendendo difficile ai artisti per mostrarsi se stessi. Tuttavia se in un concorso non si crea una competizione sportiva e se l’eventuale non accettazione dell’opera non danneggia la propria ricerca personale, il parteciparvi è uno dei modi migliori per farsi conoscere, soprattutto come giovane artista.
Sito internet e/o link instagram/facebook.
instagram @arvin.gl

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!